Fresa per alluminio e CNC

Ciao a tutti vecchi e nuovi.
Per hobby e per lavoro mi trovo a voler fresare l'alluminio per
ricavarne parti di vario tipo.
ho visto la fresa proxxon 40 con banco e pensavo di farla cnc.
Tuttavia sorgono i primi dubbi:
che velocità di rotazione è appropriata per fresare l'alluminio?
non vorrei acquistare unaf resa nata per legno che gira da morire per
scoprire che devo andare lento, cosa che mi sembra possibile.
se la faccio cnc posso andare molto piano per cui anche se non è
potentissima con calam ce la dovrebbe fare...spero.
molte cose le disegnerò ex novo per cui posso usare qualsiasi software,
di solito si fa con cad o ci sono software proprietari per le schede
cnc? e quale scheda può fare la caso mio? ho letto solo di roba per
taglio ali.
Volendo sagomare delle centine come importo i profili per esempio da
database di profili vecchia edizione o da parte del database di shark? o
ci sono altri database disponibili da cui è più facile?
I motori passo passo li ho già trovati, se la proxxon va bene ho anche
trovato la fresa mi manca scheda cnc e software...
Ringrazio chiunque possa aiutarmi.
ingo
Reply to
Ingo
Loading thread data ...
Ciao io ho la BFW 36/E l' ho modificata in cnc e freso qualsiasi materiale se hai bisogno... ciao GLF
"Ingo" ha scritto nel messaggio news:c1vo79$4de$ snipped-for-privacy@lacerta.tiscalinet.it...
Reply to
GLF
Ciao
Se hai pazienza domani cerco qualche riferimento sul Kalpakjan ( libro di tecnologia meccanica). Per il resto vale il solito discorso di qualità dell'utensile. Non parlo solo dell'elettroutensile, ma delle stesse frese utilizzate. Inoltre ha importanza anche la rigidità del sistema. Certo, con spazio, motori, schede e ... tanti soldi sarebbe ideale un bel piano di lavoro con guide a coda di rondine e tutti i suoi sensori, finecorsa e ....magari cambio utensile o rotazione asservita del pezzo per un vero 3D. Ad ogni modo per cominciare a leggere qualcosa, puoi visitare il sito di Natale Novello (
formatting link
) poi passare per le sezioni cnc di fruatta e Baronerosso per farti qualche idea e poi passare in rassegna i siti dei francesi che sono molto avanti a livello di materiale messo a disposizione. Tra l'altro ho lettto che qualcuno ha utilizzato come scheda la MM2001, tralasciando evidentemente il controllo temperatura filo. Per l'elettronica di pilotaggio potresti facilmente accontentarti dei Kit di Nuova Elettronica ( N° 1420 a 32 ? l'uno e una schedina optoisolata autocostruita) oppure fare come me che ho scelto la CNC3AX, che però è più costosa e pilota i motori unipolari ( circa 20% di coppia in meno rispetto i bipolari ). la vendono anche montata e collaudata a 230 ?.
Ad ogni modo le frese più evolute hanno la regolazione elettronica di velocità, in modo di adattrsi alle varie lavorazioni, pur mantenendo valori ottimali di coppia.
Non sempre è vero! Vi sono un sacco di problemi relativi alla formazione del truciolo, che per lavorazioni casalinghe si possono tralasciare, ma che portano anche a errori o qualità di lavorazione scadenti. Può importare poco col legno, ma se cominci a farti pezzi importanti è da tenere presente e provare e riprovare.
I software che si trovano per il Cad-Cam sono compatibili con la maggior parte delle schede di cui leggerai. Qui entrerà sicuramente nella discussione Natale N. che è più preparato di me. Nel suo sito c'è un po' di pubblicità. Và a vedere nella sezione Ninos. Per il resto trovi soft come TurboCNC, Millwizard etc. Tutti comunque alzano il livello logico dei piedini della porta parallela relativi al motore che si deve muovere, dando la direzione e volendo abilitano anche il motore. Poi gli integrati deputati a creare la sequenza disegnali da mandare al motore fanno il resto. Di solito trovi L297 (costosissimo) assieme all'L298, con cui arrivi a pilotare motori fino a 2/A a fase, più che sufficienti se hai una meccanica precisa (tipo proxxon).
Anche qui ti può aiutare Natale. Ad ogni modo c'è un linguaggio specifico e credo anche unificato con cui pilotare la lavorazione. Ho letto di Hpgl e iso. Poi ci sono programmi che aprono file DXF, elaborano e ti escono col bel percorso macchina pronto. C'è una lista su YahooGroups *tuttocncperilmodellismp* ( proprio con la "p" finale! . Il link giusto non lo ricordo) Poi ci sono forum su Nautikit oppure puoi passare per it.hobby.robotica e ancor meglio sui gruppi di elettronica per le schede di interfaccia. Metto alcuni links:
formatting link
formatting link
Stai attento a farti un accurato preventivo di spesa. Ti assicuro che i costi salgono parecchio a seconda della soluzione che scegli. Anche se è una gran soddisfazione poi utilizzarla! Ho visto con la mia CNC taglio ali! Ciao Andrea
Reply to
jvbov-Andrea
"jvbov-Andrea" ha scritto nel messaggio news:3WR0c.42156$ snipped-for-privacy@twister2.libero.it...
Esistono diversi leghe di alluminio e diversi tipi di frese. In linea di massima un alluminio dolce pastoso lo tagli con una fresa in HSS a 50 m/min e un avanzamento indicativo di 0.02 mm/dente, se la profondità di passata è uguale diametro della fresa. Poi ci sono degli utensili piu' prestanti, ad esempio quelle in metallo duro; qui arrivi a 120 m/min con avanzamenti fino a 0.04 mm/dente, ma dipende dalla rugosità che vuoi ottenere.Considera inoltre che le diverse leghe di alluminio possono avere resistenze molto differenti, da 40 N/mmq per un alluminio comune fino a 450 N/mmq per le leghe di alluminio magnesio, queste ultime con peso specifico molto inferiore ma difficili da fresare poichè possono anche incendiarsi, e l' acqua peggiora la situazione ..
La formula per calcolare la velocità di rotazione è la seguente: ngiri = (Vt * 1000) / pigreco * diametro fresa e l' avanzamento espresso in mm/min: av = ngiri * ndenti * mm/dente
Esempio: utensile: fresa D8 metallo duro 3 tagli materiale: alluminio silicio AlSi6Cu4 prof. passata = 8mm larghezza passata = 8mm Vt = 120 m/min (da tabella) Av = 0.04 mm/giro (da tabella)
Quindi: ngiri = (120 * 1000) / (3.14 * 8) = 4775 giri/min Avanzamento = 4775 *3 *0.04 = 573 mm/min
Ovvio poi che se il tutto non è stabile devi ridurre i parametri. Sui cataloghi di utensili trovi le tabelle di taglio e le formule per calcolare la potenza necessaria.
Ciao, Stufa@legna
Reply to
wildfire
A tutti coloro che hanno macchine CNC. Io ho una fresa 1000 x 500 x 500 con Selca 1100. Siccome e' piuttosto vecchiotta, non riesco a trovare un programmino per scaricare su PC i programmi contenuti dalla RS 232. Avendo esaurito la ram, devo cancellare ogni volta. Mi hanno detto che e' sufficiente un qualsiasi software "terminal", ma ne so quanto prima. Qualcuno mi puo' aiutare e spiegarmi o, meglio, dirmi dove posso trovarlo? Grazie e ciao. Alberto
Reply to
almian
"Stufa@legna" ha scritto nel messaggio news:c22af4$ip7$ snipped-for-privacy@scotty.uli.it...
Volevo postare una "risposta" simile a quella di Stufa@legna. Inoltre, tieni presente che ci sono un sacco di altri fattori che incidono nella lavorazione e a volte solo prove e prove riescono a darti il risultato migliore. Ti segnalo in primo luogo la formazione del truciolo, che anche se non sembra incide moltissimo sulla potenza richiesta e sulla finitura del pezzo. Oppure la formazione del BUE ( Built Up Edge ) sul petto dell'utensile. In pratica si modifica la conformazione dell'utensile sul quale si fissano solitamente particelle dure di materiale e, modificando la geometria dell'utensile, possono produrre un pezzo diverso da quello voluto (anche se la vita dell'utensile si allunga). E poi tieni presente la lubrificazione ( lubrorefrigerazione con successivo smaltimento del fluido per non essere attaccato dagli ecologisti) per migliorare il tutto. Ad ogni modo per una fresatuta di leghe di alluminio il range di velocità di taglio vanno da 300 a 3000 m/min con utensili al cermets, ceramici, al carburo o diamantati. Come dice Stufa@legna con utensili HSS le velocità si riducono sensibilmente, per rientrare nel caso da lui segnalato. Credo che a questo punto tu possa facilmente avere una base di partenza per le tue prove. Ciao Andrea
Reply to
jvbov-Andrea
rispondo ad andrea e a stufa qui. Vi ringrazio molto entrambi per i consigli, e passo ai successivi dubbi creati... ;-P Vedo che siete preparati, forse piu di quanto mi possa bastare. La fresa cui pesnsavo è la proxxon 40, ma ha solo 15cmx15cmx7cm come banco ed è pochino. Se sapreste consigliarmi qualche modello in particolare che sia un po piu grande senza spendere troppo.... lavorazione ad olio: forse è esagerato? voglio dire farò parti piccole, non ho fretta, posso farne a meno? vi vuole poco a mettere uan vasca e una pompetta per far circolare l'olio. Posso comprare facilmetne l'olio l'ho visto proprio ieri, ma mi incasina la vita usare l'olio. Ci perdo molto nel mio caso? Mi potreste postare qualche link sugli utensili per fresare (mi interessano molto le formulette) e magari anche sul cnc e frese in generale per uso hobbistico? Grazie ancora, non posso rispondere subito ma rispondo di sicuro vi prego di portare un po di pazienza sono spesso fuori per lavoro. ingo
Reply to
Ingo
"Ingo" ha scritto nel messaggio news:c27rtn$ciu$ snipped-for-privacy@lacerta.tiscalinet.it...
Ciao Ingo! Per quello che ti posso dire, finora mi sono documentato per costruire la fresa da zero. Ho anche un progettino di massima realizzato in Autocad 3D della struttura. L'elettronica l'ho già pronta e il software che fa al caso mio già trovato. Per la parte meccanica, mandami un link diretto alla proxxon40 che la guardo più che volentieri. Anch'io pensavo di partire da una fresa già pronta e motorizzarla, ma o si trovano bestioni da quintali (usati) oppure si trovano prezzi ... Per quel che riguarda la lubrorefrigerazione da operare non ho nulla da aggiungere, in quanto non ho esperienza diretta di lavorazione. Solo teoria! Ti posso dire che prevederla non è poi così difficile, come hai detto tu. Pensa alle troncatrici per metallo che ce l'hanno. Devi solo prevedere una sezione di filtraggio dell'olio dai trucioli che si raccolgono. Per la pompa poi devi pensare a portate proprio basse, tipo quelle del presepio! Lubrorefrigerare va sempre bene. Intanto a livello di utensile gli allunghi la vita. E quelli che vanno usati devono essere di qualità, quindi costano parecchio. Poi anche il pezzo finale ne guadagna in qualità di lavorazione. Ad ogni modo dovrai valutare la lavorabilità del materiale base. Mi pare che il tuo sia alluminio. Per il resto, per l'utensile ti devi basare sulle specifiche che lo accompagnano. Se poi durante la lavorazione ti accorgi che il truciolo è continuo e ti intasa i filtri per la pompa, allora Vi sono vari modi per eliminare il problema. Gli utensili che vengono utilizzati a livelo industtriale hanno anche una placchetta rompitruciolo, anche se a loro serve perchè vi è un importante guadagno economico nel costo di lavorazione e la produzione è di serie. Altro modo di fare è camciare velocità di taglio o variare profondità di passata. per il resto di solito il software che controlla la fresa ti chiede i parametri, tipo diametro punta etc. Ad ogni modo, se fossi in te, come sono in me !!! ( :-))) ) , procederei per piccoli passi. Puoi pensare di strutturare il tutto in modo da aggiungere la lubrificazione in un secondo momento, dopo le prime prove con lavorazioni semplici. Ti assicuro che quello sarà il tuo ultimo problema. Il primo secondo me è la meccanica, in quanto la precisione tra una fresa e l'altra dipende proprio da lì, a parità di elettronica e software di gestione. Mi raccomando, mandami il link alla proxxon che le dò un'occhiata. Per il resto, se pensi di costruire qualcosa tu ti segnalo i seguenti links:
formatting link
sezione PLANS!!!
formatting link

Ciao Andrea
Reply to
jvbov-Andrea
Per la lubrirefrigerazione ho utilizzato un motorino lavavetri del panda comandato da un variatore di velocità PWM Il liquido lo aspiro facendolo passare attaverso un filtro x la miscela delle 1/8. Ciao GLF
Reply to
GLF
lubrificazione
tiè questo gentile ragazzo mi sta dando una mano anche lui e ne ha motorizzata una...
formatting link
che hai risolto i tuoi problemi se ti basta lo spazio. non ho nessun problema a farmi la lubro, è solo una rottura di palle da avere in casa e basta perchè occupa spazio e i liquidi si rovesciano non ho un posto fisso per la fresa... come disegni i pezzi? mi mandi il software se puoi? grazie dei link ora li guardo e poi ti tempesto di dubbi! una domanda ce l'ho... ma se la facciamo in legno e poi con quell ain legno ci facciamo le parti in legno fresate in alluminio? viene una spada! ciao ingo
Reply to
Ingo
Ha fatto esattamente la stessa cosa chè ho fatto io sulla stessa fresa Proxxon.Ora l'ho ripresa in mano per modificare le chiocciole per ridurre al massimo il backlash. Ciao GLF
Reply to
GLF
"Ingo" ha scritto nel messaggio news:c2fr4f$1k3$ snipped-for-privacy@lacerta.tiscalinet.it...
Bell'idea!!! Io sto riflettendo ancora se lavorare su un adattamento di fresa esistente, oppure costruirla ex-novo per incidere solo materiali leggeri oppure farla proprio a regola d'arte. Vedremo come andrà. Io vorrei però un piano di lavoro che mi permettesse di tagliare almeno 3-4 centine alari per volta. Mi sai dire se c'è un negozio online che vende la gamma Proxxon? Per il software prova a scaricarti Ninos dal sito di Natale Novello (
formatting link
). E' in italiano!! Comunque, generalmente il formato di disegno da cui si parte è il DXF ( gestito anche da Autocad), Poi si dà in pasto il tutto ad un soft Cam che genera il percorso utensile e traduce il tutto in formato Iso o Hplg. Per passare a fresare alluminio con una fresa costruita mista legno, si può provare, ma dubito che si possa arrivare a precisioni adeguate a quel che è richiesto. Io penso che se ti metti con pazienza a disegnare bene il tuo progetto, sfruttando profilati di alluminio già pronti, e ti limiti ad acquistare le barre filettate ( trapezoidali rettificate) , chiocciole in bronzo e le boccole di scorrimento, conqualche piastra di alluminio, forse ce la fai a stare sotto il milione e mezzo ( di vecchie lire). Chiaramente gli spallamenti delle viti vanno realizzati in officina meccanica, così come le sedi per i cuscinetti. Si insomma, se poi conosci qualcuno in gamba che ti fa il lavoro a prezzo contenuto, hai il massimo! A prescindere dal fatto che una proxxon modificata è bella da vedere! A presto Andrea
Reply to
jvbov-Andrea

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.