Consiglio su assemblaggio semiali

"deltafox" ha scritto nel messaggio news:dyEHg.32148$ snipped-for-privacy@tornado.fastwebnet.it...
Naturalmente partiamo dal presupposto che la mia considerazione sul fatto di spendere un po' di più per avere qualche garanzia in più è del tutto personale e non sto portando avanti nessuna guerra di religione. Poi per quello che riguarda gli altri componenti, non è del tutto vero quello che tu dici: i servi digitali hanno un senso solo se si ha bisogno di controllare con la massima precisione e velocità una superficie di comando di generose dimensioni , come quelle di un acro 3D o F3A, è del tutto inutile su un modello tipo il tuo o tantomeno su di un trainer o su un modello "della domenica", dove la scelta di un buon servo analogico, sempre meglio con cuscinetto, non cambia assolutamente niente. Per quello che riguarda le riceventi è lo stesso discorso: una buona FM, vale senz'altro di più di una mediocre PCM, considera che parlavo proprio ieri con il responsabile dell'assistenza JR/graupner e mi diceva che su alcuni modelli con motore a benzina (quindi con centralina di accensione), molte volte sono stati costretti a montare rx in FM in quanto le PCM impazzivano appena messo in moto il motore. Io stesso sto affidando un funtana 140 con motore mintor 170, tutti servi digitali, centralina per doppio pacco batterie, per il quale meglio non faccia i conti di quanto ho speso ( se lo sa mia moglie trovo l'avvocato direttamente a letto con lei con l'atto di divorzio pronto da farmi firmare), ad una normale ricevente in FM, senza il benchè minimo problema.
No, non ho mai avuto personalmente un magnum, ma al campo ci sono diversi che li usano. La persona che li usa più intensamente ne ha tre : un 10, un 15 ed un 20 cc, e sui due più grossi ha riscontrato proprio i problemi di cui ti ho parlato, e che poi ho potuto verificare personalmente aiutandolo a smontarli ed a metterli a posto. Se non avessi avuto questa testimonianza, non avrei mai parlato "per sentito dire". Comunque, sia ben chiaro, ti auguro di non avere mai il minimo problema e di divertirti veramente con il tuo motore e modello, cosa che alla fine è il succo del nostro hobby!
Reply to
Jump
Loading thread data ...
..ecco: hai centrato in pieno il problema:LE MOGLI!! :-)) non so perche' ma ritengono che questo sia un hobby "stupido" (cosa che mi fa enormemente innervosire). In quanto al resto mi hai dato conferma che le difettosita' che citavi erano scaturite da esperienze vissute da vicino e non "per sentito dire" e questo mi rallegra non poco. Non volevo mettere in dubbio la tua esperienza o la tua parola,ma di gente che parla solo per sentito dire ce n'e' molta (lo vedo anche al campo volo che frequento). Quoto appieno per il discorso della componentistica che facevi tu:il mio voleva essere un esempio esasperato del problema che mi si era posto di fronte (non ho pensato neanche lontanamente di montare dei servi digitali su un Mustang!! :)) Grazie 1000 dei consigli che comunque male non fanno,anzi! Andrea
Reply to
deltafox
concordo abbastanza
io i magnum li prendevo in america e costano la metà degli OS li, fai che un motore che OS stava a 229$ il magnum stava a 129$. Scelgo un magnum per aerei dei quali non mi fido, almeno se viene giu al collaudo non ci rimetto anche un OS, o per aerei da divertimento coi quali corro piu rischi del solito. Non mi metto a fare passaggi rasoterra sulla pista in rovescio cercando di grattare il direzionale per terra se ho un OS :D con un magnum gia mi sento meglio. Ne avrò avuti una cinquantina di motori tra 2t 4t e 2t diesel e i magnum non mi hanno dato un problema, d'altronde nemmeno le altre marche però (supertigre OS rossi picco e altri). Se dopo che hanno girato non li fai andare con miscela senza nitro arrugginiscono tutti i motori perchè il nitro è igroscopico, attrae l'acqua che poi ossida tutto. Basta che ti porti nella cassetta un serbatoio pieno di miscela 80/20 tutto sintetico e li fai andare per 1 minuto, faticano a tenere il minimo ma si lubrificano per bene ed eviti i resti di ricino che incolla e nitro che ossida (un mio OS si è arruginito il cuscinetto frontale perchè l'ho lasciato fermo 1 anno con la nitro dentro) FLick
Reply to
Flick
tieni il motore come si deve e ti durerà una vita, questa è la mia esperienza, certo di vita ne ho ancora parecchia :D il top sono gli yamada comunque, anche se sono molto spinti per cui bisogna tenerne conto. FLick
Reply to
Flick
Perchè lo è! Perchè negarlo, spendiamo patrimoni per veder volare un aggeggio che nemmeno riusciamo a mandare veramente dove vogliamo. E' una passione, come tale non ha spiegazioni. Chiedile quanto spende di parrucchiere prodotti cosmetici vestiti e scarpe, vedrai che fa pippa e sparisce immediatamente. :D FLick
Reply to
Flick
...io veramente volevo provare a vedere se dopo il rodaggio andava bene una miscela 80/20 senza nitro. L'ho gia' preparata ed usata ampiamente su un Supertigre 51 e va alla grande (ma non ho fatto mai la prova con temperature esterne invernali); non so se forse per un 4T occorre una miscela leggermente nitrata. Comunque la tua teoria sulle mogli e' assolutamente saggia: sei un grande! :-)
Reply to
deltafox
ahah grazie. Per la miscela le cose stanno così, almeno secondo le mie prove. Premesso che uso come componenti:
Metanolo puro al 99.8 (il solito che usiamo tutti) Nitrometano Olio sintetico JX millennium (sicuro meglio dei kotz e non ha niente da invidiare al carbulin) Olio di ricino degommato
Sono un fan delle miscele senza nitro se si tratta di aerei e per ogni motore ho una miscela diversa, spazio dalle auto agli aerei ely e motoscafi. Volavo i 4t senza nitro, ma in quel modo avrai il minimo instabile (si accumula olio fino a farlo sputazzare poi perdere colpi e infine fermarsi, se prvi ad aprire quando sputacchia se no nlo fai dolcemente si spenge). Per ovviare si chiude il controspillo, ma così facendo il volo a mezzo gas risulta smagrirsi e il motore scalda troppo. Per cui o ti tieni il minimo alto e qualche piccola irregolarità ai bassi regimi oppure ti serve la nitro. a me per tenere un minimo decente serve un 3-5% a seconda dello stato della candela (le F4 sono eterne ma dopo un tot di ore sono meno calde e il minimo ne risente). Ad esempio sul piper cub col 5% ottengo un minimo che sebbene lento mi trascina counque l'aereo in avanti, per atterrare spengo. Sul cub preferisco la 10%, mi tiene un minimo piu basso (sotto i 2000 se non erro) forse esageratamente basso. C'è chi usa l'accendicandela via radio, riaccende la candela sotot un certo regime per evitare irregolarità, funzoina una meraviglia ma aggiunge peso e se si scarica non è che ti avverte, appena chiudi il motore si spenge. I 2t volano senza nitro tranqnuillamente, la uso solo al 3% con l'os fp10 che è vecchiotto e spompatello. Da come aprli ho capito che non hai mai avuto un 4t, parti con la miscela al 10% e 18% di olio come da manuale e impara a volare quel modello, quando sei sicuro del comportamento di motore e modello cala il nitro e vedrai immediatamente gli effetti. Non lo farei prima, un motore piantato per poco nitro magari ti rovina il modello ai primi voli. NB: non intendo dire che senza nitro si piantano, è che se non li conosci è molto piu facile. FLick
Reply to
Flick
Ok ottimo consiglio ! faro' sicuramente cosi'...e' che effettivamente non ho mai avuto un 4T ed un aereo cosi' grande, pero' effettivamente col 2T sono partito dalla miscela consigliata dalla casa costruttrice per poi arrivare a volare in assenza di nitro (nel frattempo mi sono imparato a capire i comportamenti del motore e a conoscerlo meglio). Grazie 1000 Flick!
Reply to
deltafox
"Flick" ha scritto nel messaggio news:44ef3385$0$995$ snipped-for-privacy@news.tiscali.it...
Beato te... io di motori ne ho avuti e ne ho tanti, considera che il primo è stato un G20/15 diesel nel '69, molti non mi hann dato problemi, ma se ti faccio vedere il mio cimitero dei motori... Ops col pistone in frantumi, Picco sbiellati, supertigre con il carter sfondato (non per un incontro ravvicinato col pianeta terra), in più tutti quelli che mi hanno fatto impazzire per la messa a punto... per ultimi due o tre Supertigre dell'anno scorso: un 34 , il classico 23 cc ed il 3250 che te li raccomando...se muovi lo spillo del minimo di un centosessantesimo di giro neanche partono... D'altronde il bello di quest'hobby è anche questo: tornare a casa la sera imbevuto di olio ed alcool perchè un bastardo di motore ti ha sputato in faccia tutto il pomeriggio senza volerne sapere di caarburarsi, ma alla fine averla vinta tu e riuscire a fare un volo pulito magari col sole già tramontato. Tanto il prossimo fine settimana si ricomincia...
Ti assicuro che bastano 20 giorni e già la nitro comincia a lavorare ! Bah, vado a caricare le batterie. Visto mai che domani faccia bello e si possa volare?
Reply to
Jump
Ce l'ho! però l'ho usato poco sarebbe un peccato rovinarlo.
Sono una mosca bianca, soprattuto tra i macchinari che sbiellano piu spesso di altri. Forse è perchè non cerco mai il limite magari tu hai provato a chiedere quel qualcosa in piu..non saprei. Però carter spaccato..ma come hai fatto?
il 34 non mi da problemi, ci insegnavo a volare ad un amico con il caro vecchio victor. il 23cc e il 32 sono rognosetti a volte, ma non amo i grandi 2t per cui li ho usati poco o niente.
io carburo a fiato e mi parte tutto, quando fanno così è lo spillo che non è dritto spesso, andando a fiato senti subito come risponde lo spillo.
Non per fare il prof, ma cose del genere non mi capitano da un decennio, ormai ho il metodo standard per aggredire un motore. E' anche vero che sono anni che non compro un motore per cui ormai i miei li conosco bene.
confermo. In tutti questi discorsi sui motori tieni presente che gli studi che ho fatto e la professione forse mi avvantaggiano più di altri. FLick
Reply to
Flick
"Flick" ha scritto nel messaggio news:44efe922$0$1002$ snipped-for-privacy@news.tiscali.it...
Anch'io. L'ho rimontato su di un Trainer vvc dell'aeropiccola di cui sono riuscito a ritrovare i disegni e che è stato il primo modello che ho costruito e sta li, appeso nella stanza di mio fiflio, ma guai se si azzarda a toccarlo !
Di solito sono state cose successe a fine carriera del motore dopo diversi anni di uso intenso: una volta si volava per mesi, se non per anni con lo stesso modello, oggi, per lo meno io con sto fatto degli ARF ho molto più ricambio.
Biella spezzata ed il pezzo che è rimasto sull'albero ha impuntato sul carter e l'ha sfondato
Anch'io la prima carburata la do così
è proprio questo il punto: come ti ho detto sono motori comprati l'anno scorso, ed ho riscontrato che i carburatori supertigre evidentemente non sono più quelli di una volta: sarò stato sfigato, ma questi sono i primi che io mi ricordi che mi hanno fatto penare in questo modo. Il 34 aveva i serbatoio obbligato dal modello appena troppo basso (prima avevo su un OPS 3.5 cc ed andava benissimo) e non si riusciva a trovare la carburazione in volo: a terra benissimo, appena calava il livello un macello. Gli altri come ho detto troppo densibili: nonostante l carburazione a fiato bastava muovere poi lo spillo di pochissimo per l'aggiustaggio fine e neanche partivano più.
Reply to
Jump
pure oil mio sta su vvc con la carta cosi vecchia che è incartapecorit alo tratto coi guanti :D
hai grippato un cuscinetto di biella, di solito è poco olio o carb magra boh non mi è mai successo.
ti confermo questa sensibilità, hai la presa pressione?
passa su un piano lo spillo spingenolo coi pollici cosi lo raddrizzi. FLick
Reply to
Flick
é successo circa 20 anni fa, mi sembra che il motore fosse un ST 35, ma da quanto mi ricordo i cuscinetti dopo il fatto erano buoni,mi sembra che tutto fosse dovuto ad un pezzo di alluminio che si era staccato dal carter ed era andato ad inceppare il pistone. Il motore comunque era un coetaneo del g 20/15 diesel, quindi era proprio vecchio vecchio, ma veeecchioo....ed in più aveva girato su tanti di quei modelli...
si, o meglio, ce l'avevo, il modello su cui era montato si è scontrato in volo con un PT 19 della great planes: che botto ! chi c'era ancora ride. Comunque come ho detto fino a poco tempo prima aveva su un OPS 3.5 cc, e questo difetto, pur con il serbatoio allo stesso livello, non c'era, il motore era piccolino, ma succhiava come un'idrovora.
Posso provare, ma mi sembra strano, visto che entrambi i carburatori sono nuovi. Ho più la sensazione che questa ipersensibilità derivi dal fatto che ambedue i motori hanno dei carburatori di diametro setremamente grosso, forse troppo per la loro cilindrata, considera che il vecchio ST 3000 da 30 cc. aveva un venturi di 2 mm più piccolo, ed in più, secondo me ci sono dei trafilaggi d'aria da qualche parte, probabilmente tra il pezzo di ottone che porta il controspillo ed il corpo del carburatore. Infatti quando carburo a fiato, anche con lo spillo del minimo tutto serrato e la farfalla chiusa, comunque un po' d'aria passa lo stesso.
Reply to
Jump
usi il filtro delal miscela? non mi è capitato che fossero altre cose.
uhm boooooh andrebbe visto, puoi usare il silicone ht per sigillare qualcosa, il fatto che passi sempre qualcosa non è necessariamente un problema puo essere voluto se è poco. FLick
Reply to
Flick

Site Timeline

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.