Consigli per un niubbo...

Ciao a tutti,
ho acquistato per sbaglio (pensavo fossero modellini già dipinti ed
assemblati) 3 aerei scala 1:72 della Revell, in plastica grigia, da
assemblare e dipingere.
Per quanto non mi sia mai cimentato nel modellismo (a parte qualche lego
technic da bambino, anche se modellismo non è) vedo che le plastiche sono
ben realizzate e dettagliate e da appassionato di aeronautica mi piacerebbe
affiancare questi aerei (un F-16, un F/A 18 e un B1-B Lancer) alla mia
collezione.
Le domande fondamentali:
1- che colla uso?
2- come dipingo? pennelli? bombolette spray? ci sono colori specifici per la
plastica?
3- consigli in genere per partire con il piede giusto e non cestinare tutto?
Grazie.
Reply to
Kamox
Loading thread data ...
mitici, non li ho mai buttati :-)
mi permetto di rispondere, anche se sono niubbo pure io, non vedendo risposte.
Io uso normale colla per plastimodellismo (molak fiss) datami da negoziante di modellismo. Non asciuga in tempi troppo brevi, ti lascia fare qualche aggiustatina.
Per gli aerei non saprei, io sto facendo un paio di veicoli terrestri con acrilici a pennello. Vedevo in alcuni tutorial su youtube che molti viaggiano di aerografo. Prima mettono del primer spray (io lho preso a pennello, ma non sono capace di usarlo :-) )
1-nelle faq di questo NG ho trovato un sacco di informazioni utili e punti di partenza. 2-ho trovato video di tutorial su youtube, sono sempre utili. cerca magari drybrushing e washing. 3-prima di incollare d=F2 una leggera scartavetratina alle parti che prendono la colla. procurati della carta molto fine. 4-stacco i pezzi dalla griglia con una forbicina, non strapparli a mano che spesso fai il "buco" 5-se ti procuri un po' di stucco (filler) =E8 utile per allineare meglio molte parti 6-non fare l'errore che ho fatto con una moto, l'ho montata tutta prima di colorarla e ora sono in crisi con le parti meno accessibili :-) 7-se vuoi fare le cose in grande (ma non saprei cosa ti consigliano qui nel NG) puoi provare e tagliare alcune parti, tipo gli alettoni e incollarli in posizione pi=F9 naturale. L'avevo fatto a 15 anni con un F101 e mi pareva un bell'effetto, avevo inclinato i piani di coda, estratto i flap e accorciato l'ammo del carrello anteriore. Magari ho fatto pi=F9 danno che altro :-)
sani -- Denetor
Reply to
denetron
dipende, puoi anche usare lo sprue (la griglia di plastica sulla quale sono fissati i pezzi) dissolto in acetone; la colla cianoacrilica (se usata con attenzione consente di attaccare i tettucci trasparenti senza sciogliere la plastica) facendo attenzione a non incollarti le dita tra loro e usandone un velo sottilissimo (consiglio il cianoacrilato in gel, non ha presa immediata e consente gli aggiustamenti di precisione - facendo molta attenzione a non spargere intorno residui di colla che sarebbero estremamente difficili da eliminare, dopo, se non con un paziente lavoro di carteggiatura, stuccatura e rifinitura; le colle specifiche per plastica - molak et similia -
in genere le vernici da modellismo sono specifiche per aderire alla plastica dei modelli, comunque ci sono molti fattori da considerare: 1 gli aeroplani indossano livree effettuate con colori indicati nel Federal Standard (per USAF e altri) o nel RAL (per Europa), se fai una ricerca in google troverai addirittura le "palette" o "chips" di colore corrispondenti, quindi se vorrai riprodurre esattamente un modello dovrai prendere i colori precisi per la corrispondenza a questi due standard ( qualcuno una volta disse che bisognava tener conto del "fattore scala" anche per la tonalità del colore applicato su un modellino, ma penso che sia una paranoia eccessiva :) ) comunque in qualsiasi negozio di modellismo ben fornito troverai tutte o quasi le tonalità di colore necessarie. Ricorda comunque che le vernici lucide erano utilizzate sugli aerei degli anni '30 e ormai sono utilizzate solo per gli aerei dei Team Acrobatici (e non tutti) e per i dimostratori (e non tutti nemmeno questi), gli aerei moderni utilizzano vernici opache con particolari caratteristiche antiriflettenti (vedi necessità antiradar) e insegne a bassa visibilità ( nei modellini le decals). Prima di procedere alla verniciatura di ogni singolo pezzo (e qui il consiglio di verniciare i pezzi più piccoli mentre sono ancora sullo sprue, salvo poi ritoccare la parte che verrà distaccata da questo) è bene procedere ad una pulizia della plastica con antisilicone per togliere ogni traccia di unto o grasso dovuti al procedimento di stampa e ogni altro residuo di sporco; dare sempre una sottilissima mano di primer ( ci sono vari colori di primer dal giallo/verde al grigio medio, dipenderà se vorrai lasciare "in vista" la parte in primer (ad es. per gli aerei anni '40 giallo/verde per le superfici interne e quelle delle parti mobili (vani carrelli etc)). Le superfici esterne andranno verniciate a modello incollato, stuccato e rifinito con carta abrasiva, dovrai mascherare con nastro da carrozziere tutto ciò che non vuoi venga ricoperto dal colore della livrea ( ci sono molti prodotti specifici per questo, ma se vuoi farti le ossa può andar bene anche solo questo). Quando rifinisci con la carta abrasiva stai attento a non portar via i particolari a rilievo o a scasso ( i rivetti, le pannellature, una volta verniciato il tutto avresti delle bruttissime parti completamente liscie la dove ci sono protuberante o intagli e , ti assicuro, è proprio brutto da vedere.
Prima di partire con il montaggio e la colorazione procurati molta documentazione fotografica sul modello che vuoi realizzare, tutte le indicazioni utili sui particolari che saranno visibili e sulla livrea, decidi in anticipo il livello di realismo che vuoi ottenere, ad esempio un aereo "vissuto e volato" oppure appena uscito dalla linea di verniciatura, stabilisci il tuo personale standard qualitativo e infischiatene del commento dei "guru" se vuoi solo avere la soddisfazione di esporre su una mensola le tue realizzazione. Io non ho quasi mai realizzato un modello "così come da scatola" ma ho sempre cercato la personalizzazione, ma questo dipende solo da ciò che si vuole ottenere e da una serie di variabili troppo lunghe da elencare qui. Procurati un "manuale di modellismo aeronautico", non so se sono ancora in commercio, ma anche qui, "googleggiando" o "ebayggiando" immagino tu possa reperire qualcosa
di nulla, chiedi pure se ne hai bisogno. Mi scuso con il NG per la prolissità, ma non si può liquidare l'argomento in due parole e io, oltretutto, non ho nemmeno scalfito la superficie :)
-------------------------------- Inviato via
formatting link
Reply to
SirCedric
Ops dimenticavo, a pennello puoi verniciare con buoni risultati modelli in scala 1:72, ricordati di utilizzare pennelli nuovi e di buona qualità e di tenerli sempre puliti e con le setole in ordine, se stedi il colore in strati sottilissimi (senza ingrommare il pennello) ed incrociando le pennellature, non dovresti quasi accorgerti delle striature lasciate dalle setole; le bombolette spray vanno bene per superfici piuttosto grandi e anche quelle puoi trovarle nelle tinte corrispondenti al FS o al RAL, ma le trovo antieconomichee poco precise ( la rosa di spruzzo non è controllabile); l'ideale sarebbe l'utilizzo di un aerografo e di un compressorino, ma dipende se il tuo è un impegno occasionale o se vorrai proseguire nell'attività. In questo caso su Ebay o in rete troverai molte offerte su questi articoli e, a partire da 120/150 euro, potresti anche farti un corredo aeropenna (cinese magari, ma uguale ad un IWATA") e compressore (silenzioso, così non corri il rischio del linciaggio da parte di moglie, condomini, vicini et similia) se vorrai usarlo di notte.
Ciao
-------------------------------- Inviato via
formatting link
Reply to
SirCedric

Site Timeline

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.