Corsair Alfa Model?

Salve,
vorrei un parere del gruppo sul Corsair della ALFA Model con motore
elettrico. Qualcuno ha provato questi modelli? (anche a ventola
intubata?).
Rapporto qualit=E0 prezzo?=20
Gianni
Reply to
Tamurè
Loading thread data ...
Non solo il Corsair, ma in generale TUTTI i modelli della Alfa, comprese le ventole, volano MOLTO BENE. Hanno un ottimo grado di prefabbricazione e realismo. Ricorda che l'unico collante veramente adatto per finirli/ripararli è l'UHU POR . E ricorda anche che non hanno carrello quindi devi prevedere atterraggi su manto erboso. Inoltre sappi che non è assolutamente necessario motorizzarli brushless, vanno bene anche brushed (quindi risparmi un sacco). Il Corsair è uno di quelli che vola meglio, ma tu non hai specificato il tuo livello di abilità con gli aeromodelli... Sono ala bassa, quindi occhio allo stallo d'ala: cerca di mantenerti nel peso indicato per non aumentare troppo il carico alare. Se vuoi c'è una bella foto di questo modello in volo (fatta da me) sulla homepage del nostro sito.
Reply to
RC.Workshop
RC.Workshop ha scritto:
Sono 15 anni che non tocco aeremodello... ho volato tantissimo con un ala alta da 6.5 cc, il Victor, poi un aliante elettrico e infine il famoso Sonar ad ala bassa. Ma =E8 molto che sono lontano dal settore. Volevo inziare con qualcosa di non estremo ma neanche banale.
Visto... ancora pi=F9 bello di quello che pensavo
Gianni
Reply to
Tamurè
ciao come modelli sono fatti veramente bene, ovvero realistici, con molti particolari.. pero è depron..... ho detto tutto.. leggerissimi ma anche molto delicati, direi non adatti assolutamente a princianti anche se volano benissimo, lo stallo è piùttosto bruttino e se capita in fase di atterragio ..auguri.. quindi direi che sono rivolti a chi gia pilota senza problemi. Rimangono comunque bei modelli, ho visto volare quello a ventola intubate, un corsair e un nakajima, tutti e tre con ottimi risulatati. Magari costano un tantinello, perche sono sui 120? e per un po di depron stampato mi sembra veramente troppo. considerazione assolutamente personale.
ciaooooooooooo
"Tamurè" ha scritto nel messaggio news: snipped-for-privacy@j33g2000cwa.googlegroups.com... Salve, vorrei un parere del gruppo sul Corsair della ALFA Model con motore elettrico. Qualcuno ha provato questi modelli? (anche a ventola intubata?). Rapporto qualità prezzo?
Gianni
Reply to
il Zott (Roma)
Si, chiaro che quando lo prendi in mano ti rendi conto che se fai un bello schianto ti restano patatine da imballaggio al posto del modello... Ma questo vale anche per gli aerei in balsa. Io ho un Hayate dell'Alfa Model che è la QUINTA volta che incollo con UHU POR, e parlo di ali spezzate, fusoliera troncata, piani di coda strappati. Vola ancora benissimo. Ho anche un FW190 che aspetta l'irreparabilità definitiva dell'Hayate in cima all'armadio, ma sebbene io lo "abbatta" spesso, riesco anche sempre a rimetterlo in sesto. I 100-105 euro che costa sono anche dovuti all'altissimo grado di prefabbricazione ed alla dotazione: in un'ora voli. Con quello che hai pilotato non dovresti avere difficoltà, basta non scendere troppo di velocità in atterraggio (o farlo perfettamente paralleli al terreno).
Reply to
RC.Workshop
"RC.Workshop" ha scritto nel messaggio news:P2PWf.40855$ snipped-for-privacy@tornado.fastwebnet.it...
Scusatemi se mi intrometto, ma non è questione di rompersi o non rompersi in caso di crash. 100/ 120 euro sono duecentomilalire!!! Uè... è sempre e comunque polistirolo. Il minikatana di qualche post sopra costa 130 euro (ma ci sono altri modelli del genere più o meno allo stesso prezzo), ma è tutto in legno e carbonio, ed il grado di prefabbricazione è più o meno lo stesso. é chiaro che se lo sbatto per terra si rompe anche lui, ma almeno non rischio di rovinarlo ogni volta che lo tocco per metterlo in macchina. Secondo me sarebbe ora che i produttori, specialmente quelli che vendono il depron a questi prezzi, si dessero una bella regolata...
Reply to
Jump
hai perfettamente ragione... manco morto gli darei tutti quei EURI per 2 pezzi di depron stampati a caldo... a sto punto 1000 volte meglio il katana :-)))
ciaooo
Reply to
il Zott (Roma)
Visto... decisamente bello. Credo per=F2 che il difetto sia che se si rompe =E8 pi=F9 difficile ripararlo. Comunque vorrei provarlo. Sapete darmi l'indirizzo del produttore?
Altri modelli simili in legno e carbonio?
Gianni
Reply to
Tamurè
"Tamurè" ha scritto nel messaggio news: snipped-for-privacy@i39g2000cwa.googlegroups.com...
Visto... decisamente bello. Credo però che il difetto sia che se si rompe è più difficile ripararlo. Comunque vorrei provarlo. Sapete darmi l'indirizzo del produttore?
Il produttore è precision aerobatics ma sta in Australia , quì da noi lo tovi qui
formatting link
qui
formatting link
attenzione, come già detto non è assolutamente per principianti.
Altri modelli simili in legno e carbonio?
formatting link
Qui non c'è il carbonio, ma più o meno è equivalente.
Reply to
Jump
Incredibile come si sia riusciti a denigrare modelli belli e che volano bene come quelli dell'Alfa Model tirando in ballo il Katana e il fatto che il Depron se precipiti si rompe...Questo NG non smette di stupirmi. Come se il Katana quando precipita non si rompesse...mah. Il solito "terrorismo psicologico" fatto su partiti presi.
Reply to
RC.Workshop
"RC.Workshop" ha scritto nel messaggio news:0Z8Xf.42850$ snipped-for-privacy@tornado.fastwebnet.it...
Allora... rileggiti bene il mio post. Non ho assolutamente detto che il katana se cade non si rompa, anzi, se rileggi bene ho detto esattamente il contrario. Ho solo detto che a parità (più o meno) di prezzo preferisco senz'altro un modello fatto in struttura tradizionale. Se non altro per il fatto che il depron, appena lo si sfiora, si riga e si intacca. Certo se i modelli in questione costassero la metà del prezzo a cui si vendono, sarebbe un'altra cosa. Scusa, ma 100/ 130 euro per tre pezzi di polistirolo stampato (ancorchè stampato bene) mi sembrano veramente troppi. Poi, per il fatto che volino bene, su questo non c'è dubbio, ci mancherebbe pure altro con quei costi... Ma d'altronde anche i modelli che progetta e sostruisce il Zott, volano benissimo, ed io mi sono costruito in biplanetto in depron (progetto su un numero di modellistica dell'anno scorso) che va una bomba.... Solo che ho speso non più di 10 euro di materiale...
Reply to
Jump
Jump ha scritto:
Con gli Alfa Model ti paghi, oltre al depron, che e' il meno, la precisione ed il realismo nei dettagli, che negli ARF di depron/epp e' rara, la gamma di accessori veramente completa, la "leggerezza" del modello finito, la funzionalita' (volano proprio bene) ed il profondo appagamento estetico finale (nel contesto di un modello di polistirolo, ovviamente). I GWS , i Multiplex, i Robbe (tanto per fare nomi concorrenti in questo segmento di mercato) magari costano meno ma non sono cosi' dettagliati nei particolari, e spesso volano peggio. Detto questo, sono d'accordo con Zott che il prezzo sia comunque un tantino elevato; a questo punto e' il portafoglio che decide. P=2ES. Non c'e' paragone tra la riparazione di un modello "rotto" in depron ed una in balsa : , col depron, se il modello e' riparabile, basta un po' di colla ed eventualmente nastro fibrato; col modello in balsa (tipo mini katana) se rompi, devi cercarti la balsa giusta, tagliarla con cura, incollarla, comprare dell'oracover dello stesso colore, saperlo mettere con attenzione....ecc.ecc.
Reply to
valpozzo
"valpozzo" ha scritto nel messaggio news: snipped-for-privacy@e56g2000cwe.googlegroups.com...
Con gli Alfa Model ti paghi, oltre al depron, che e' il meno, la
[cut]
Forse non mi sono spiegato bene: Non sto facendo la "guerra santa" contro i modelli di Alfa Model, ho solo detto che mi sembra che quei prezzi, per un modello di polistirolo siano troppo alti. Questo indipendentemente che il marchio sia Alfa model, Protech, robbe, scorpio o quant'altro, tanto i prezzi più o meno si equivalgono, ed anche perchè non credere che la ricchezza di particolari sullo stampato o la precisione nei pezzi incidano più di tanto sui costi. Per quello che riguarda gli altri pregi che citi, sono d'accordo (anche se mi sembra normale che un modello in polistirolo sia perlomeno leggero), ma continuo ad essere del parere che modelli del genere debbano costare non più della metà del prezzo al quale vengono venduti. Per questo motivo, io mi comporto in questo modo: se voglio un modello "easy" (da trasportare, da far volare) in depron, me lo costruisco. Se invece voglio un modello più impegnativo e che mi dia magari maggiori soddisfazioni, sono anche disposto a spendere quelle cifre per un ARF. Naturalmente poi, ognuno è libero di spendere i suoi soldi come meglio crede, ci mancherebbe...
Reply to
Jump
Quoto perfettamente Valpozzo, che mi ha risparmiato la fatica di spendere esattamente le stesse cose che ha detto.
E colgo l'occasione che si continua ad omettere i fattori principali nel calcolo: TEMPO - ESPERIENZA - QUALITA'.
Il TEMPO necessario per procurarsi i materiali, per sagomarli, per dipingerli (non sottovalutare il grado di finitura degli Alfa, sono anche già dipinti, e pure bene)...vale ? L'ESPERIENZA che ti sei fatto in anni di modellismo per autoprodurti un modello in Depron, necessaria,...vale ? La QUALITA' del modello: mi spiace ma ho dei dubbi che ti riesca ad autoprodurti un modello con rivettature e pannellature alari, nonchè decals realistiche...e questo vale ?
Non pensare che il tono sia "arrabbiato", è solo provocatorio, per indurre chi legge a capire cosa sta dietro la produzione di modelli simili.
E se vuoi parliamo anche degli FSK (Flying Styro Kit) :-)
Reply to
RC.Workshop
"RC.Workshop" ha scritto nel messaggio news:VpbXf.43235$ snipped-for-privacy@tornado.fastwebnet.it...
Ricordiamoci che stiamo parlando di processi di produzinone industriali di molte migliaia di pezzi per modello e che queste sono cose che stanno dietro all'approntamento di un qualsiasi aeromodello ARF, sia in legno, sia tuttofibra, sia in depron. La differenza è che i primi due vengono comunque in parte prodotti a mano, mentre per il depron, una volta fatto lo stampo, il processo di produzione si riduche ad una iniezione a caldo di materiale, appunto nello stampo.
Il dubbio te lo tolgo subito: in passato ho fatto anche questo, sia riproducendo pannelli "chiodati" tipo aerei russi con microscopiche gocce di vinavil depositate con una siringa, sia i pannelli "avvitati" tipo aerei occidentali, fatti intaccando lo strato di verniciatura di fondo con un tubetto con dentro un microscopico cacciavite a croce in modo che la traccia lasciata riproducesse la testa di una vite a croce incassata lungo le linee dei pannelli fatte intaccando la stessa vernice di fondo con la punta di una lima tonda da stampista. E' sicuramente un lavoro lungo e noioso che non so se rifarei, comunque per saperlo fare lo so fare. Al di la di questo, credo che alla fine ognuno rimarrà del suo parere: Per me i prezzi di quasi tutti i modelli in depron presenti sul mercato, non solo quelli di alfa model, sono ingiustificatamente troppo alti. Per te probabilmente questi modelli valgono i soldi spesi. D'altronde purtroppo nel nostro hobby non è il solo caso di prezzi gonfiati ad hoc. I nostri sono due pareri contrastanti, ma che hanno ambedue le loro verità, per cui credo che non sia il caso di far venire fuori una "guerra di religione" per questo.
Reply to
Jump
Assolutamente non è mia intenzione "guerreggiare" su argomenti simili. Mi son messo a disquisire perchè il thread era partito da uno che chiedeva come fossero ed alla fine l'impressione che se ne stava dando era brutta, o sembrava tale, mentre bisogna ribadire che volano bene e sono belli. Tutto qua. Nemmeno il mio dubitare della tua capacità di rifinitura modelli era tale: intendevo dire proprio ciò che dici tu, ossia che una rifinitura simile implicherebbe un impiego di tempo ed esperienza tali che giustificano il prezzo del modello (per chi, beninteso, come me, ama far volare modelli realistici). Concordo che da un punto di vista ASSOLUTO siano cari, ma altrettanto che lo sono RELATIVAMENTE se si considera l'impegno necessario per autoprodursi una cosa simile. E poi probabilmente mi perdo in discussioni simili solo perchè sono a casa con l'influenza ;-)
Hai visto i tre nuovi Alfa in uscita ? Sul loro sito
formatting link
---> R&D. E hanno anche buttato fuori un modello nuovo, un Wildcat... E il MERAVIGLIOSO B-25 della FSK ?
formatting link
---> NEWS
Non so se si capisce che mi piacciono questi modelli ;-)
Reply to
RC.Workshop
Cosa intendi con principianti. Non ho molta esperienza di modellismo ma con un ala alta a scoppio riesco a decollare e atterrare da solo e a fare qualche figura acrobatica, loop, loop rovescio ecc... potrei passare al mini katana dato che mi sono rotto dello scoppio e di tutto quello che devo caricarmi in macchina ogni volta?
Unico neo è che è un anno che non tocco modello dato che ho atomizzato il modello in un volo rovescio a bassa quota :-(
M
Reply to
Matthew
"Matthew" ha scritto nel messaggio news:pqfYf.48137$ snipped-for-privacy@tornado.fastwebnet.it...
Secondo me dovresti fare ancora un po' d'esperienza, il minikatana è un modello che non perdona niente: a parte l'estrema sensibilità, ha un comportamento perfettamente stabile su tutti e tre gli assi. Questo significa che come lo lasci (in rovescio, di taglio) lui rimane, se ti trovi in difficoltà, non puoi mettere al minimo, cabrare leggermente ed aspettare che si raddrizzi come con un trainer, devi continuamente assisterlo e comandarlo tu. In virata va continuamente sostenuto, specialmente se viri con il vento in coda, altrimenti perdi 10 metri di quota senza neanche accorgertene, in atterraggio va continuamente assistito con io motore, perchè se gli togli potenza troppo bruscamente viene giù come un mattone. Io personalmente devo dire che vado più tranquillo con l'extra da 2 m. con un 50 cc che con il katana. Però mi rendo anche conto che ad ogni volo riesco a conoscerlo meglio ed a prendere maggior confidenza.
Avrai già capito che non ti consiglio assolutamente di ricominciare con questo modello...
Reply to
Jump

Site Timeline

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.