elichine

Ciao, con l'amico mike di mucchiinside sto preparando un miniareoplanino con
l'elettronica di un'auto microcinese, qualcuno ha gia' fatto esperienze? per
l'attuatore sul direzionale sono a posto, ma chi ci e' gia' passato sa che
motore usare in alternativa all'originale ridotto (via mosfet) o dove
trovare un'elica adeguata con un rendimento accettabile?
--
_______________________________________
Andrea "SAX" Sassi (ITA)
formatting link
le vele al vento, ma il vento non le capi'...
_______________________________________
Reply to
Sax
Loading thread data ...
Se vuoi ti posso dire come fartene una ;-) Prendi un foglio di balsa da 1, lo avvolgi su un qualcosa di rotondo (tipo bomboletta spry), lo fermi con del nastro adesivo e poi lo spennelli di vinavil diluito. Lasci asiugare e stacchi... rimarra' piegato a dovere. Tagli il foglio in due e sovrapponi le due meta'. quindi ritagli fuori con un cutter le due pale dell'elica. per unirle in mezzo usa la fantasia (esempio tondino da 1 in carbonio). Otterrai un elica LEGGERISSIMA dove potrai decidere il passo e quant'altro ti sia necessario. Il sistema e' semplice e adatto a realizzazioni molto leggere e particolari come quella che vuoi fare tu.
Reply to
flytraps
ok, grazie mille!!!!
l'idea mia era di prendere un aliantino tipo libellula a elastico e dato che ha la pala a base rettangolare ridurla solo in lunghezza copiandola col sistema balsavinavil tipo quello che proponi tu..
approposito: tu ne hai esperienza con oggettini di pochi gr.?
devo finire prove col motore di serie ridotto o con uno classe 80/100 con l'elettronica mosfettata e poi partiamo!
-- _______________________________________
Andrea "SAX" Sassi (ITA)
formatting link
le vele al vento, ma il vento non le capi'... _______________________________________
Reply to
Sax
Azzzzz !! che figata!! VOGLIO SAPERE TUTTI GLI SVILUPPI!!!!
Pè.
Sax ha scritto:
Reply to
Peppe
Non ho esperienza in merto ma ti dico solo che ho comprato due di quelle macchinine con lo stesso tuo intento... ti sapro' dire in seguito ;-)
Reply to
flytraps
"Sax" ha scritto nel messaggio news:3f17c851$ snipped-for-privacy@news.scardovi.com...
Ciao Sax, devo dire che siamo in molti ad aver pensato al "giochino" Io non riesco per mancanza di tempo... Con un collega ne parliamo da tempo e iniziamo a fare delle prove appena possibile. Io avevo pensato a iniziare ad usare un aereo della quercetti elettrico, poi a costruire da zero. Non ricordo più dove avevo visto del simil-depron da 1 mm.... per l'elica pensavo di usare della balsa (come già suggerito) o dei fogliettini di questo simil-depron scaldati per mantenere forma e indurire. Vedremo. Intanto racconta dei tuoi progressi.
Guarda questo: Qui le mofiche per fare un "aereoplanino" da palestra:
formatting link
sezione "What's new?"
Ciao, Marcello
Reply to
Movie
Sto facendo anch'io la stessa cosa, il modello è già pronto, credo pero che il motore non basti, oltretutto non è un 2.0 delle shen qi wei, ma un cessetto di una sottomarca preso al carrefour. Voglio comunque provarlo, almeno per vedere se l' attuatore va bene. Il modello è il solito quattropezzididepronmessiinsiemeaspanne, circa 40 cm di apertura, provato nel box sembra che viri, appena posso lo porto in campo e lo centro meglio. ho comunque intenzione di fare come visto sul sito del team klaustrophobia, cioè di usare l'uscita del motore per l' attuatore, in modo da usare una sola bobina a toro avvolta a mano, direttamente sulla deriva, inserendo all' interno la calamita, e di usare una delle due uscite dello sterzo per azionare il motore, invertendo i tasti sul TX e ricomprando qualcosa di più decente come motore o magari usare un motore ad elastico o ad aria compressa. P. S. sul sito indicato ci sono altre modifiche succulente, tipo usare una cella Li-ion ed eliminare il duplicatore di tensione sulla ricevente (l' elettrolitico ed il transistor grosso che ci sta sotto), l' aggiunta di un mosfet per il motore ed ovviamente l' uso di motori più grossi. Ciao Danilo PP.SS. Shen Qi Wei ha in produzione una nuova serie di macchinine con motore3.0, più potente, sto aspettando.
Reply to
danilo
"flytraps" ha scritto nel messaggio news: snipped-for-privacy@news.cis.dfn.de...
Molto interessante.
Accidenti qui mi sono perso. Non riesco a capire come viene fuori un'elica. Non è che potresti scendere un pò più nei particolari.
Reply to
Domenico
se tagli un pezzo di balsa e lo premi su una superficie tonda hai la curvatura tipica (quasi)del profilo di una pala, ovviamente la lunghezza della pala deve corrispondere alla direzione alto basso della bottiglia. Se lo appoggi inclinato leggermente, diciamo con quello che sarà il bordo d' entrata della pala inclinato di una quindicina di gradi in avanti, hai la pala svergolata con l' estremità più negativa, come appunto deve essere l' elica. Il legno va impregnato con vinavil, tendicarta o epossidica, ricoperto in carta modelspan, o fibra, dipende da quanto lo vuoi fare robusto, puoi usare due strati di compensato da 0,4, insomma ti puoi sbizzarrire, l' importante è che devi mettere le pale in forma ancora umide, fasciare con nastro od elastici (e un foglio di plastica per non fare appiccicare tutto). Dopo un giorno trovi le pale fatte. Danilo
Reply to
danilo
io uso quello del'8700 devo solo provare se l'elettronica lo porta o devo inserire il mosfet, tanto all'rs ce l'hanno e comunque un mosfet di prova ce l'ho...
-- -- _______________________________________
Andrea "SAX" Sassi Ferrara (ITA)
formatting link
le vele al vento, ma il vento non le capi'... _______________________________________
Reply to
Sax
non l'avevo visto prima, stesse idee, pure io mi pare si chiami libellula ed e' a elestico, ha il telaio quadro di plastica... ma ho il socio aeromodellista...e forse liinterviene lui...
Reply to
Sax
Il mio è in depron da 3, sembra che plani bene, anche senza profilare l' ala, so che esiste in rotoli il polistirolo da 2 mm nei colorifici, comunque il balsa in tavolette per simili dimensioni va benissimo, per ripiego avevo pensato alle vaschette dopo avere visto un modello ad elastico, tra l'altro molto bello su una rivista inglese. al massimo si possono sfinare a tampone così ottieni un bel profilo alare, anche se credo non sia il punto chiave della costruzione. Ciao Danilo
Reply to
danilo
Accidenti siete più furbi del diavolo pgm
danilo wrote in message bf94l3$8l2$ snipped-for-privacy@news.newsland.it...
Reply to
Marco - news libero.it
Sax ha scritto:
Ieri ho provato il modello, più che altro ho capito i difetti ;-) allora: il motore manco lo sente, era già ovvio, plana bene e sente abbastanza il direzionale, anche se non sembra molto preciso. Va detto che un affare così, all' aperto è duro da fare volare, poi col solo direzionale... Ora ho smontato tutto, l' errore più grosso è stato di azionare il direzionale con un rinvio dall'attuatore. Ho già preparato una bobina toroidale in modo da fissarla direttamente sul direzionale e mettere la calamita internamente (con un braccetto verso la parte mobile), tutto per avere meno giochi. Rifaccio il modello in balsa centinato e inizio ad usarlo come veleggiatore, con fionda magari, aumento un poco l' apertura, in modo da poterlo far volare all' aperto, però lo predispongo in modo da potere appenderci il motore successivamente, intanto aspetto un amico che forse mi trova dei motorini da vibra call, oppure prendo una automobilina di quelle "buone" e metto la seconda cella come hai fatto tu. Ciao Danilo
Reply to
danilo
Sax ha scritto:
messo giù a spanne, 40 cm di apetura, 13 di corda, il resto più o meno proporzionato, peso non saprei, la radio, il motore e alcuni grammi di polistirolo.
si, in balsa da 1 mm impregnata con tendicarta, ne ho fatte due, da 6 e 8 cm di diametro con riduttore 1:4, ma non faceva neanche da ventilatore, non ho approfondito, vedrò poi con un motore più decente.
se smonti la macchinina trovi due bobine incollate con colla a contatto al telaio, non ti conviene toglierle, o ti capita come a me di strappare i fili, taglia piuttosto il telaio in due parti e le metti ai lati del timone, con il magnete incollato in un foro nella parte mobile allineato con le bobine, va da se che devi fare due prolunghe fino alla radio. meglio non usare rinvii che vanno a pesare su attuatore e timone e scentrano il tutto. Poi devi fare una cerniera abbastanza rigida che allinei parte fissa e parte mobile quando non hai segnale, io ho provato modellando dello scotch trasparente, non va bene, devo trovare qualcosa di meglio, che però non sia troppo rigido, forse plastica autoadesiva o qualche sacchetto piuttosto spesso. La bobina singola è però il sistema che usano di solito gli "indooristi", con la possibilità di usare dei teminali dell' rx (motore) che danno tensione in un verso, zero e il contrario, puoi attrarre, lasciare a riposo o respingere la calamita, è meno ingombrante che mettere due bobile, se la bobina è a forma di "0" la calamita sta nel centro, tutto in un buco in una delle due metà del timone, ovviamente deve avere un braccino che collega il magnete all' altra metà del timone, fatto a "c". Puoi fare questo perchè l'uscita motore a te serve poco, non hai bisogno della retro, puoi pilotare il motore da una delle uscite dello sterzo, credo portino più o meno lo stesso carico, per motori più grossi, due celle ed eventualmente mosfet.
Ho visto il tuo sito!! Io vorrei andare con tutto standard, ora è così, allungo solo l' antenna rx. Poi se voglio aumentare la portata farò come hai fatto tu. Dipende dal motore che trovo. Mi stuzzica anche fare un modello ad elastico, con un uscita avanzata potrei usare il cabra, e vorrei risparmiare peso il più possibile. Ciao Danilo
Reply to
danilo
hihihih ma il bello e' proprio questo!!!
-- _______________________________________
Andrea "SAX" Sassi (ITA)
formatting link
le vele al vento, ma il vento non le capi'... _______________________________________
Reply to
Sax
Ottima idea grazie, vado subito a frugare nel rottame in ditta(voglio un 5 1/4, è troppo trendy). ciao Danilo
Reply to
danilo

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.