per ginodifagna!

ciao! per quale motivo mi sconsigli una trasmissione a cardani? se devo
acquistare un modello rallygame mi consigli qualche marca? grazie
Reply to
enter
Loading thread data ...
scusa se mi intrometto ma è solo per darti consiglio: se sei all inizio, cioe devi comprare proprio tutto credo che ti convenga pensare all 1/5 come scala. enter ha scritto:
Reply to
stufomiscele
E' Semplice basta vedere che tutti i modellini da pista hanno la trasmissione a cinghia, molto piu "scorrevole" senza differenziali, pali rigidi centrali che si adattano molto meglio all'uso su asfalto in particolare come percorrenza di curva. molti hanno la memoria corta, ma il rally game era nato per cercare di abbassare i costi che erano saliti alle stelle nelle gare On-road svolte nei piazzali, che avevano sempre meno partecipanti .... cioè aveva un regolamente che prevedeva una parte di pista in sterrato un solo tipo e marca di gomme e modellini da off-road a quei tempi molto economici adattati modificando il solo assetto e carrozzeria per essere utilizzati su asfalto invece nel giro di pochi anni ci siamo ritrovati nuovamente a modellini quasi "da pista" (se ad alcuni aggiungi il cambio le differenze ormai non esistono quasi piu basta vedere le carrozzerie usate, sono tutte touring (McLaren) che poco si adattano ad un rallygame, ora ci sono minimo 10 tipi di gomme molto molto morbide che durano MOLTO poco, è sparito lo sterrato i motori sono sempre piu "spinti" e simili a quelli da pista, anzi .. qualcuno ..... i modelllini non sono piu adattati da off-road ad asfalto ma progettati esclusivamente per questo utilizzo (vedi trasmissione e telai parti in carbonio etc etc) quindi anche qui i costi sono andati alle stelle nuovamente nel campionato toscano che ho seguito per esempio una gara è stata fatta completamente su pista neppure in un piazzale. ora in particolare la mia regione ha organizzato un campionato rallycross, e cosa ancora piu triste credo che sia stato riconosciuto dall'amsci cioè utilizzando modellini da off-road di nuovo su asfalto con poche modifiche .. praticamente una cosa tristissima che nel giro di due anni ... va bhè gia lo avete capito ovviamente tutti sono liberi di fare cio che vogliono .. meglio avere piu sc elta qualcuno potrà dire... ma secondo me non è cosi che bisogna procedere se si vuole piu persone nei vari campionati
io quindi ti consiglio se vuoi un rallygame per utlizzare in qualche gara un modello a cinghia, non ti sarà difficile trovarlo, controlla nelle calssifiche i primi posti all'italiano o ad uno qualsiasi dei campionati regionali, e trovi tutte le marche, io ho un paio di preferenze ma non voglio fare pubblicità, (mi limito a farla negativa solo alla bergonzoni ;) che secondo me se la merita tutta ) però preparati se ne vuoi uno performante e soprattutto partecipare a qualche gara a costi da utilitaria
ciaoooooooo
ps. ovviamente con un modellino a cinghia scordati di poterlo trasformare in off-road, come ti ripeto sono modellini specifici
Reply to
Ginodifagna
Il Mon, 15 Dec 2003 07:35:46 +0100, snipped-for-privacy@hotmail.com (stufomiscele) ha scritto:
Non direi, la 1/5 anche se alla fine puo' essere piu' economica come scala per via del costo della benzina, ha il piccolo neo che le piste sono veramente rarissime inoltre anche andando per piazzali (a trovarli poi dato che ora i supermercati aprono anche la domenica) difficilmente troverai un'altro modellista con 1/5 con cui confrontarti. Quindi alla fine con le 1/5 ci fai poco o nulla a patto ovviamente che non ti piaccia correre in solitario.
-- Saluti "Il Barone Rosso" - Roma WebMaster di:
formatting link
E-Mail: snipped-for-privacy@NO-SPAMlycos.it ICQ: 17933257 Rimuovi NO-SPAM per rispondere, Please remove NO-SPAM to answer
Reply to
Il Barone Rosso
"Ginodifagna" ha scritto
Ciao, scusami ma ho qualche perplessità. Più che di scorrevolezza penso che il motivo principale sia legato alla disposizione dei pesi: con il cardano centrale il motore deve essere spostato da un lato, idem per gli altri componenti. Invece la cinghia, che passa da un lato, permette il centraggio del motore e degli altri componenti migliorando la distribuzione dei pesi. E forse è anche una questione di semplicità meccanica. Comunque personalmente prediligo la trasmissione cardanica, è una questione di gusti...
Sono pienamente d' accordo con ciò che affermi sopra, ma mi sfugge il nesso con la trasmissione a cinghia.
Questo è innegabilmente vero, il brecciolino triterebbe la cinghia in men che non si dica. Saluti.
Reply to
Vyger
"Il Barone Rosso" ha scritto
Ed anche della manutenzione meno assidua...
Non è solo questo: servono piazzali davvero ampi e sostanzialmente deserti (e non mi riferisco solo alle persone, ma anche ad eventuali automezzi parcheggiati) per poter usare un modello in scala 1/5 con soddisfazione e con un certo margine di sicurezza in caso di errore o fuori-radio (a meno che non ci si accontenti di viaggiare a passo di lumaca ma non ci si diverte un gran chè...). Un problema da non sottovalutare è poi il rumore dell' automodello: non tutti lo trovano piacevole (io stesso ho avuto qualche discussione a causa del mio 1/8) per cui sarebbe meglio che il piazzale si trovasse in un luogo un pò isolato. Non è semplicissimo trovare piazzali che abbiano tutti questi requisiti.
Appunto. Ecco perchè non la ritengo adatta per un mero uso su piazzale. Saluti.
Reply to
Vyger
Bhè io non credo proprio che sia una questione di gusti quando la differenza è cosi accentuata a parità del resto ovviamente (motore pilota elettronica) cavolo il modellismo piu estremo 1/8 1/10 pista è sempre e sempre sarà a cinghia, quindi per le gare su asfalto o usi la cinghia o parti gia con un GROSSO svantaggio la distribuzione dei pesi è una cosa secondaria al confronto della scorrevolezza del modello (basta che tu provi a spingerlo da fermo e lo vedi subito, si sente la mancanza delle due corone dei due differenziali, rispettivi pignoni cuscinetti e caradani cenrtali, inoltre anche i differenziali sono troppo piu piccoli e leggeri cioè in pratica massa in movimento etc etc) inoltre considera inoltre che sugli ultimi modelli da rallygame bisogna montarci diversa zavorra per rimanere nei limiti del regolamento quindi puoi distribuirla al meglio sulle 4 ruote il peso mi ricordo quando presentandosi con la BMT a cinghia assettata da pista alle prime gare di rallygame e molte volte si rifiutavano di farla partecipare o facevano storie infinite appena vedevano il modellino .. infatti era l'unico NATO DA Off-Road a cinghie esistente quindi in regola con il regolamento che voleva modellini buggy solo assettati ... poi l'anno dopo .. la prima e pochi mesi dopo 2 ditte quindi 3 modellini etc etc ora non credo che nessuno possa dire che per esempio una Active sia un modellino da offroad assettato da pista ;))))
Il nesso è che praticamente i modellini da rallygame stanno col tempo divenendo modellini da pista, ad oggi sono molto vicini (vedi anche la disposizione del motore e tantissimi altri particolari che non sto qui ad elencare) quindi visto che questo purtroppo è il trend (si è iniziato con una sola marca .. poi due .. adesso ben 4 sulle 5 o 6 presenti, di "cardani" c'è rimasto ben poco specifico per il rallygame e sicuramente non è la scelta vincente se uno vuol competere) gli consigliavo di prenderlo subito a cinghia per partire almeno con un modello valido da subito per quella categoria e anche in futuro visto che questo è "l'andazzo" ;)) !! CIAOOOOOOO
trasformare
Reply to
Ginodifagna
"Ginodifagna" ha scritto
Parlavo dei miei gusti: prediligo la trasmissione cardanica ma è solo un mio punto di vista.
Ovviamente.
Invece qui, abbi pazienza, continuo ad essere perplesso. Dire che i modelli con trasmissione cardanica sono PESANTEMENTE svantaggiati in confronto a quelli con trasmissione a cinghia mi sembra quantomeno drastico. La Asso, i cui modelli sono destinati alle competizioni, ha recentemente immesso sul mercato un nuovossimo modello a scoppio con trasmissione cardanica. Negli automodelli elettrici la scorrevolezza è basilare per non sprecare corrente. Eppure la Yokomo -da sempre produttrice di modelli a cinghie- ha rinnovato la sua gamma immettendo sul mercato un modello, anche esso dedicato all' alta competizione- con trasmissione cardanica. Anche i modelli elettrici della Asso, sempre a cardani, hanno sempre ben figurato nelle competizioni. E, per concludere, anche alcuni modelli cardanici Tamiya hanno vinto la loro buona dose di garette, lasciandosi dietro le cinghie. Quindi non mi pare che la trasmissione cardanica sia così svantaggiata.
Ho provato: ho spinto da fermo il mio modello cardanico, poi quello di un mio amico, a cinghie. Mi pareva che il mio modello opponesse meno resistenza. Questa prova però è assai poco indicativa...
Si ma anche la trasmissione a cinghia ha i suoi begli attriti: innanzitutto le cinghie, per morbide che siano, hanno sempre una certa resistenza alla flessione; inoltre considera che la stragrande maggioranza dei modelli è provvista di tre cinghie quindi, tra pulegge, rinvii e tendicinghia vari, ne abbiamo di ruotismi da far girare.
Questo non credo influisca sulla scorrevolezza; al più, trattandosi di forze d' inerzia di masse in rotazione, influirà sulle doti di accelerazione.
Non lo sapevo...
Ora ho afferrato.
Byez! Vyger.
Reply to
Vyger
Il Mon, 15 Dec 2003 20:30:09 +0100, hai scritto: Non so' da dov'e' partito il thread, sono molto incasinato in questo periodo e leggo tutto molto in fretta, pero' vorrei fare delle puntualizzazioni a quanto viene qui di seguito affermato:
mai dire mai....
sara'...Nelle 1/8 e nelle 1/10 pista, che sappia io, la distribuzione dei pesi e' essenziale...specialmente se la pista e' abbastanza tortuosa e con poco grip.
E io ti posso garantire che un modello a cinghia e' meno scorrevole di uno a cardano. La prova l'ho fatta con i modelli elettrici, dove la scorrevolezza e' essenziale per la competitivita' del modello.
beh, qui hai ragione: nel modello a cardano c'e' in piu' la corona conica d'accoppiamento al differenziale, ma e' anche vero che nei modelli a cinghia ci sono una "marea" (ok: esagero solo un pochino) di corone e di cinchie...senza contare i tendicinghia...
...la moda: brutto "affare" per chi compra, ma un "grande affare" (commerciale) per chi vende. E qui siamo d'accordo. Ciao.
L'incredibile non l'ho mai fatto. L'impossibile non sono in grado di farlo. I miracoli? Non esistono...
Reply to
Vidal Michele
bho io ti posso dire che i modellini "seri" da pista 1/8 che conosco personalmente avendoli avuti tutti in discrete quantità tipo Kyosho/Mugen/Serpent sono a cinghia da quando esiste quella categoria non conosco l'elettrico e quindi non voglio dire una cosa per un'altra ma... la scala è piu piccola ed il peso molto inferiore, cosi come la potenza del motore etc etc cmq il messaggio originale parlava di un consiglio per un modellino 1/8 a scoppio Vi sfido a trovare modellini con trasmissione a cardani competere in pista con modellini a cinghie basta consultare l'ultimo mondiale a "cincinnati" o qualsiasi gara "importante" ..
cmq questa è la mia esperienza, provata personalmente in pista .. e mi sembra che le varie classifiche importanti dicono tutte la stessa cosa ... da qui il mio consiglio ....
ciaoooooooo
Reply to
Ginodifagna

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.