come si chiama ?

Salve
normalmente gli elicotteri hanno un motore che tramite una trasmissione
meccanica porta in rotazione il rotore principale.
come si chiama quel tipo di propulsione che convoglia i gas in uscita dalla
turbina
a degli ugelli posti sulle pale del rotore per farlo muovere ?
Grazie
Reply to
Gianni
Loading thread data ...
Se intendi un impianto tipo quello del Fiat 7002 o del SO 1121 Djinn, i getti alle estremita' delle pale erano di aria fredda, non provenivano dallo scarico della turbina ma erano spillati dal compressore. Non credo che questa formula abbia un nome specifico, salvo il termine generico "cold jet" usato qua e la, ma senza una categorizzazione precisa, tipo "motore stellare" o "biplano"... D'altra parte, sempre di elicottero a turbina si tratta ed il principio di governo del velivolo rimane lo stesso di un elìcottero tradizionale, salvo che con quel sistema si evita la coppia di rotazione, percio' il rotore di coda assume esclusivamente la funzione di controllo dell'angolo d'imbardata.
-- Luca Beato -
formatting link
del plastimodellismo su
formatting link
Reply to
Luca Beato
Quella che conosco io non è una propulsione, è uno dei modi che si sono inventati epr eliminare o ridurre l'effetto estremità delle pale, che succhia un sacco di potenza. col getto soffiato si risolvono parte dei problemi ma si complica così tanto la struttura che non ne risulta un vantaggio pratico ed è stato abbandonato. Leonardo mi pare aveva un disegno con un affare a 4 bracci e relativi ugelli che andava in rotazione, forse l'hai visto li. ingo
Reply to
Ingo
L'ho visto qui
formatting link
basta cercare X-50 e dragonfly so Google
Reply to
Gianni
non so se abbia un nome specifico, era un prototipo di VTOL e credo sia rimasto tale non penso abbia dato nome a quella propulsione, tra l'altro come dicevo l'ha pensata leonardo (non vorrei sbagliarmi comunque parlo di quel periodo) sarebbe strano che gli abbiano dato un nome successivamente. ma come mai cercavi questa informazione? scusami ma mi hai incuriosito. ingo
Reply to
Ingo
Stavo leggendo focus, e c'era un mini articolo sul prototipo (che sta per essere collaudato), e cosi mi sono incuriosito. Letto l'articolo mi e' rimasta qualche curiosita' e cosi' .....
comunque ho trovato che i militari americani devono essere appassionati parecchio anche loro di aeromodellismo :)
Reply to
Gianni
a proposito, c'e' qualche modellista che ha usato questo sistema per il proprio elicottero? se si si potrebbe avere un link ?
Grazie
Reply to
Gianni
Non ho letto l'articolo di Focus ma, quale che ne sia il contenuto, da sempre il modellismo ha un suo ruolo piu' che serio in ambito industriale, civile o militare, e da quando si sono scoperti i pregi degli UAV il "modellismo" ha assunto un ruolo determinante in diversi contesti bellici e non. Si va dai vari drones radioguidati da ricognizione ed anche da difesa attiva, ampiamente usati gia' nel conflitto vietnamita, fino ad arrivare agli elicotteri da sorveglianza non pilotati, di cui si dotera' la Guardia Costiera americana. Senza dire ancora nulla dei vari Phantom, Crusader, F-100 ecc.. veri, radioguidati per fare da bersaglio nei poligoni di tiro.
-- Luca Beato -
formatting link
del plastimodellismo su
formatting link
Reply to
Luca Beato
Qualcuno potrebbe segnalare un link di qualche modellista che ha usato questo sistema per il propio elicottero ? anche in inglese ..
Grazie
Reply to
Gianni
Il Tue, 18 Nov 2003 11:49:39 GMT, Gianni ha scritto:
Lo vedo abbastanza complesso da realizzare, auguri :-)
-- Saluti "Il Barone Rosso" - Roma WebMaster di:
formatting link
E-Mail: snipped-for-privacy@NO-SPAMlycos.it ICQ: 17933257 Rimuovi NO-SPAM per rispondere, Please remove NO-SPAM to answer
Reply to
Il Barone Rosso
Beh, meno sicuramente di un tizio che ho trovato in un negozio di modellismo. La frase a cui ho assistito e' stata la seguente:
commesso: "prego, mi dica"
cliente: " Salve, vorrei qualcosa per controllare autonomamente un aereo telecomandato. Sa', mi serve per la tesi all'universita'... in pratica vorrei qualcosa che consenta all'aereo di reagire a stimoli esterni come ad esempio una folata di vento, e che si riassetti automaticamente, una sorta di intelligenza artificiale. Insomma, io decido il punto di partenza e il punto di arrivo, il resto lo deve far da se!".
commesso senza parole ed io anche !!!!
Ciaoo Loris
Reply to
Loriss.it
Mentre era fermo al semaforo, Loriss.it prese il suo portatile e scrisse:
E' solo una questione di budget.
"Basta" qualche giroscopio, una bussola elettronica e un circuito a retroazione ed ecco che ottieni il tutto ;-))))
Reply to
KaOne
Ma guarda un po che originale, quel cliente! Lo stesso attrezzo e' in dotazione a qualsiasi elicottero antisommergibile, ed e' l'unica cosa che consenta al velivolo di rimanere librato per ore a punto fisso, oppure di seguire un percorso predefinito, con il trasduttore del sonar calato in acqua lungo un filo ed immerso in mare a profondita' nota, per consentire all'operatore in cabina di rilevare eventuali obiettivi. I primi modelli credo li avesse prodotti la Bendix per i Sikorsky S.55 della marina americana (identificati dalla sigla AN-ASQ1) ed erano appunto dei dispositivi elettromeccanici a base di valvole, giroscopi ed attuatori elettroidraulici che governavano il velivolo come un pilota automatico. Tuttora troviamo dispositivi analoghi a bordo di AB212ASW, SH-3H ed EH-101 della nostra Marina, anche se probabilmente oggi, con l'elettronica a stato solido, e magari un localizzatore GPS, si fa di meglio in meno spazio e soprattutto in meno peso.
-- Luca Beato -
formatting link
del plastimodellismo su
formatting link
Reply to
Luca Beato
antisommergibile, ed e' l'unica cosa che consenta al velivolo di rimanere librato per ore a punto fisso, oppure di seguire un percorso predefinito, con il trasduttore del sonar calato in acqua lungo un filo ed immerso in mare a profondita' nota, per consentire all'operatore in cabina di rilevare eventuali obiettivi.
della marina americana (identificati dalla sigla AN-ASQ1) ed erano appunto dei dispositivi elettromeccanici a base di valvole, giroscopi ed attuatori elettroidraulici che governavano il velivolo come un pilota automatico.
della nostra Marina, anche se probabilmente oggi, con l'elettronica a stato solido, e magari un localizzatore GPS, si fa di meglio in meno spazio e soprattutto in meno peso.
Si si, non dico che non sia fattibile, ci mancherebbe, dico solo che non puoi avere solo l'idea di quello che vuoi fare e chiedere qualcosa di bello e pronto in un negozio di modellismo. Insomma, la vedo una cosa abbastanza complessa da realizzare, non una cosa di uso comune.
Ciaooo Loris
Reply to
Loriss.it
Infatti diciamo la stessa cosa. Mi lascia perplesso che chi lo chiedeva stesse lavorando ad una tesi di laurea. Spero non fosse in ingegneria aerospaziale!
-- Luca Beato -
formatting link
del plastimodellismo su
formatting link
Reply to
Luca Beato
Ciao Barone. Il quote non era mio. Solo per chiarezza. ;-)
-- Luca Beato -
formatting link
del plastimodellismo su
formatting link
Reply to
Luca Beato

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.