Quarzi - Si possono...

.. utilizzare quarzi di marca diversa da quella della radio?
Che succede? Il dubbio mi e' venuto leggendo sui vari cataloghi che i
quarzi consigliati sono sempre della stessa marca della radio.
Secondo me non succede nulla e la cosa e' fattibilissima...
Grazie e ciao a tutti
Reply to
S_Ciambra
Loading thread data ...
"S_Ciambra" ha scritto nel messaggio
La risposta è SI si possono usare però ci sono delle condizioni. Il problema riguarda più che altro i quarzi per le riceventi in doppia conversione, purtroppo ogni casa fa un pò a modo suo e il valore standard di media frequenza (107 MHz) viene alterato. In questo modo sei obbligato a comprare i quarzi della casa per la tua ricevente, esempio i quarzi Hitec in doppia conversione non funzionano sulle riceventi Futaba, mente con quelli in singola conversione non ci sono problemi. Comunque nel dubbio basta provare, non rischi di rompere nulla metti il quarzo e provi, se i servi si muovono vuol dire che la frequenza è giusta. Un quarzo è solo un oscillatore meccanico molto stabile, se lo metti nel circuito o oscilla oppure non oscilla non può fare altro pertanto tutte le storielle che girano sui campi del tipo se usi quarzi diversi rompi la radio oppure la portata è minore sono solo delle leggende metropolitane.
Bye
Reply to
Anonymous
Ciao, dato che ti vedo preparato sull'argomento ti volevo chiedere una cosa. Ho tramittente e ricevente a singola conversione Hitec e ho provato con mano che non funzionano i quarzi Futaba e tutti i compatibili Futaba. In poche parole tra tutti i tipi di quarzi che ho provato ho visto che solo quelli Hitec funzionano.
Mi chiedo il perchè, tu sai darmi una risposta?
Ciao e grazie, ReX
Reply to
ReX
@AfterBurner ha scritto:
Ciao After, si tratterebbe di un quarzo Graupner 35 MHz. sc da eventualmente mettere in una micro RX Jeti sempre sulla 35 e sc. Ciao
Reply to
S_Ciambra
"S_Ciambra" wrote in message
Salvato' tu sai che sono smanettone ma per i quarzi preferisco restare nella mia ignoranza che scassare qualcosa che costa molto piu' di un quarzo Natale
Reply to
Natale Novello
"S_Ciambra" ha scritto nel messaggio news:c4kdcl$7d1$ snipped-for-privacy@news.newsland.it...
Si in teoria ma NO ASSOLUTAMENTE in pratica... Fidati e usa per ogni apparato il quarzo della medesima marca. Non ha senso rischiare per 10-15 euro modelli che ne costano centinaia oltre al valore affettivo.
-- Ciao da Marco m&m.
Reply to
Marco m&m
Vi assicuro che non vi conviene utilizzare quarzi non dedicati alla ricevente utilizzata. (per cui Futaba con Futaba , Hitec con Hitec, Multiplex con Multiplex ecc.) Il problema sta nel fatto che i quarzi hanno una capacità interna che può variare da marca a marca. Le riceventi hanno un circuito oscillatore (dove è presente il quarzo) che è stato calcolato tenendo conto espressamente della capacità del quarzo stesso (oltre che della frequenza). Anche se la ricevente funziona ( il quarzo oscilla) non vuol dire che l'oscillazione sia duratura, magari basta un leggero calo di tensione sulla ricevente, un cambiamento di temperatura, o vibrazioni esterne che si corre il rischio che la ricevente smetta di funzionare (e il quarzo non oscilli più) con le tragiche conseguenze. La differenza tra singola conversione o doppia conversione, è semplicemente una differenza di frequenze di oscillazione del quarzo per ricevere sullo stesso canale. La doppia conversione dovrebbe avere una maggiore selettività (vuol dire che riceve minori disturbi dalle frequenze adiacenti a quella di utilizzo), ma non sempre la pratica è uguale alla teoria. Il mio discorso non vuole dire che chi utilizza un quarzo futaba singola conversione su una ricevente hitec singola conversione (per esempio) non riesca a volare, ma vuol solo indicare che chi fa queste cose con qualsiasi oggetto radiocomandato rischia di diventare un pericolo per se stesso e per gli altri....
PER CUI UTILIZZATE SOLO QUARZI MARCATI COME LE RICEVENTI E SOPRATTUTO PRIMA DI VOLARE VERIFICATE SEMPRE LA PORTATA!!!
Diffidate dei negozianti che cercano di rifilarvi un quarzo marcato diversamente dalla vostra ricevente..... I quarzi sono oggetti delicati e quando cadono devono essere sempre verificati.!!! Spero di avervi dato qualche buon consiglio ma se qualcuno ha bisogno di qualche chiarimento più specificatamente tecnico sono a vostra disposizione al seguente indirizzo: snipped-for-privacy@libero.it
Ciao Paolo
"S_Ciambra" ha scritto nel messaggio news:c4kdcl$7d1$ snipped-for-privacy@news.newsland.it...
Reply to
Pcaccia
S_Ciambra ha scritto:
In teoria è possibile se sai quello che fai. E ciò è difficile.
Mi spiego, se io trovassi nel mio scatolone un bel quarzo e non sapessi nulla di lui lo metterei in un provaquarzi determinano la frequenza fondamentale di taglio e con successive misure (oscilloscopio, frequenzimentro ecc) determinerei il fattore di merito Q del quarzo. Cercherei poi di determinare se il quarzo è stato tagliato per risuonare in un circuito serie o parallelo, determinandone i parametri caratteristici ed in particolare la "potenza" di eccitazione. Per vibrare infatti un quarzo deve essere eccitato e ci vuole una certa energia. Infine cercherei di determinarne la stabilità (molto difficile)
Quindi .... Se il quarzo ha la stessa frequnza fondamentale, lo stesso fattore di merito, gli stessi parametri di risonanza serie o parallelo di un quarzo di una certa marca, allora sicuramente funzionerà nello stesso circuito del quarzo originale.
In conclusione, se hai dimestichezza con questi problemi fai come credi e metti i quarzi che vuoi, altrimenti è meglio attenersi ai quarzi consigliati che hanno parametri "certificati" dalla casa produttrice.
Ciao, Fabio.
Reply to
flyer_

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.