Aerografo

Ciao a tutti, spero di non essere OT.
Mi piace costruire modellini di robot giapponesi, e per questo mi sono
comperato un piccolo aerografo (boccettino di colore-penna a
spruzzo-bomboletta con gas).
Ho letto le istruzioni in inglese, ma non le ho capite molto, specie
quando parlano di "allungare" il colore con del diluente.
Premesso che di solito adopero i classici colori acrilici della Tamiya,
sapete darmi una breve guida su come adoperare 'aerografo senza
rischiare di rovinarlo (chessò, colore seccato sullo spruzzo o malanni
del genere)?
vi ringrazio.
Tycho
Reply to
tycho
Loading thread data ...
Natale Novello ha scritto:
Grazie mille, ho da farmi una cultura qui! ATTENZIONE! Nelle prime righe di introduzione dell'aerografo ci sono problemi di taglia-incolla, le frasi hanno poco senso. Per il resto, grazie mille ancora.
Tycho
Reply to
tycho
Natale Novello ha scritto:
Altra piccola informazione: il diluente deve essere particolare o basta del diluente da vernici, di quello venduto in barattoli? Nel caso del primo, come si chiama? (nei negozi di modellismo i prodotti non hanno MAI etichetta in italiano...) Grazie
Tycho
Reply to
tycho
"tycho" wrote in message
ok correzione effettuata ti ringrazio dell'osservazione, se trovi altre cose "strane" dimmelo pure ! ;-) Natale
Reply to
Natale Novello
tycho ha scritto:
Ogni ipo di colore ha bisogno del suo diluente specifico: Io in genere uso per coloriLifecolor e Vellejo l'acqua, per i Tamiya il suo diluente apposito (che puo' essere sostituito con alcool bianco) e per gli Humbrol il loro diluente specifico (questi pero' sono colori a base sintetica, non acrilici)
Per la pulizia dell'aerografo dipende da che guarnizioni ha dentro. Io ho un badger 360 con le guarnizioni in teflon che resistono a tutto e lo lavo con il diluente nitro (che toglie bene e in fretta i residui di colore perche' e' un solvente molto forte), se pero' il tuo ha delle guarnizioni in caucciu' usa al massimo l'acquaragia per lavarlo, e il meno possibile, perche' se no le guarnizioni si rovinano (puoi usare benissimo anche i diluenti che usi per allungare i colori) Occhio a quando pulisci ugello e spillo, sono molto delicati e dala loro perfezione dipende la qualita' dello spruzzo finale
Reply to
JaM
Per le Tamiya acriliche, usa pure l'alcol denaturato, o quello isopropilico, se ha modo di ottenerne. Quello originale costa un rene e una cornea al litro.
Reply to
Luca Beato
Ringrazio tutti quelli che gentilmente si sono disturbati di rispondermi (o che lo faranno). Finora ho sempre colorato i miei Gundam con il pennellino, e l'aerografo è per me un passo avanti, nonostante non sia uno di quelli di precisione (mi hanno detto che lo spruzzo è a rosellina, non a linea). Il fatto è che volevo evitare di vedere inestetiche "pennellate". Grazie ancora a tutti. Ogni nuovo consiglio sarà sempre ben accetto.
Tycho
Reply to
tycho
tycho ha scritto:
Uh, gundam? ^__^
formatting link
(il mio sito)
formatting link
(un forum di modellisti di anime e robot)
facci un giro ;)
Reply to
JaM

Site Timeline

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.