[STATICO forse OT] aiuto!! Problema con aerografo... dopo il primo utilizzo :(

Ciao a tutti... ho da poco preso un aerografo a doppia azione con serbatoio
a caduta.
Lo ho usato oggi per la prima voltacon colori acrilici tamiya (li ho diluiti
con un 50% di colore, 20% diluente tamiya e il rimanente di acqua) Il
risultato è stato un colore molto fluido...
Ho iniziato ad aerografare, ma dopo 5 minuti di lavoro il flusso di colore è
progressivamente diminuito fino a scomparire (l'aria cmq c'era)
Lo ho pulito spruzzando una miscela di alcool e diluente e sembrava che
tutto fosse tornato a funzionare regolarmente, ma poco dopo il lusso di
"liquido di pulitura" si è nuovamente azzerato e ha iniziato a formarsi aria
nella pipetta del colore. In pratica l'aria usciva dall'ugello e del
serbatoio. Ho estratto l'ago e lo ho pulito e lubrificato come mi era stato
suggerito, ma il risultato è stato il medesimo. Aria dal serbatoio. Qualcuno
può darmi un suggerimento x sistemare il tutto o devo cestinare l'aeropenna?
grazie
Reply to
Arioch
Loading thread data ...
Cestinarla no, mai. Al massimo farla revisionare, ma solo se non c'e' altra via d'uscita. Prima di tirare conclusioni, prova a caricare la penna con semplice acqua del rubinetto. Se lo scherzo del riflusso d'aria scompare, e' un problema di vernice troppo densa, o che si rapprende troppo velocemente nella zona dell'ugello (usa + acqua e - alcool per diluire). Potrebbe poi essere un problema di fissaggio errato o intasamento dell'ugello, che fa refluire l'aria fino al serbatoio colore invece che fuoriuscire dal davanti della penna, oppure semplicemente di pressione dell'aria troppo elevata. Prova a partire da 0 , tenendo il grilletto tirato, ed alzare progressivamente la pressione fino ad 1,5 atmosfere.
Marca e modello della penna?
-- Luca Beato -
formatting link
del plastimodellismo su
formatting link
/"\ ASCII Ribbon Campaign \ / X No HTML in / \ email & news
Reply to
Luca Beato
Innanzitutto grazie della risposta.
altra via d'uscita.
troppo densa, o che si rapprende troppo velocemente nella zona dell'ugello (usa + acqua e - alcool per diluire).
dell'ugello, che fa refluire l'aria fino al serbatoio colore invece che fuoriuscire dal davanti della penna, oppure semplicemente di pressione
tirato, ed alzare progressivamente la pressione fino ad 1,5 atmosfere.
Nel frattempo ho pulito bene pezzo per pezzo e riassemblato l'aeropenna (sfilato l'ago e pulito per bene con alcool e acqua, sfilato l'ugello e lasciato immerso in acqua tiepida e ripassato con alcool, ecc..)... il flusso dell'aria nel serbatoio sembra scomparso... tuttavia continua a non uscire colore. L'acrilico è diluito per bene (almeno a occhio non troppo esperto in fatto di aerografi). Diciamo che non è tanto più denso dell'acqua. Ho provato a spruzzare acqua, ma ha un comportamento strano che mi fa comunque pensare che qualcosa non va: attorno alle 0.7 atmosfere ho un leggero getto d'acqua molto sottile, ma aumentando la pressione il getto cessa ed esce solo aria, a meno che non "tappi" il serbatoio del colore con un dito (aumentando la pressione interna del serbatoio) e allora ho fuoriuscita di acqua
mm bella domanda... la ho presa in un negozio di modellismo qui a milano La scatola non era marchiata, ma cercando su internet (tramite il modello sul libretto di istruzioni) ho trovato che la marca è Letterman, modello AB-120. Le caratteristiche sono qui
formatting link

Reply to
Arioch
Prego.
Ok. Diciamo che sara' abbastanza difficile vederne una in mano ad un illustratore grafico professionale. Qui mi fermo. :-) Per prima cosa ti direi di verificare ancora bene la zona dell'ugello. Secondo me li c'e' qualche problema, o di intasamento per colore rappreso, oppure proprio di progettazione. Cosi' a distanza e' difficile fare una diagnosi. L'effetto Venturi su cui si basa il suo funzionamento e' cosa arcinota, e traducendo la teoria in pratica puo esserci sempre qualche problema di interpretazione, ma non e' detto che sia per forza una progettazione non delle migliori. Potrebbe anche essere una guarnizione difettosa, o una bava di fusione mal rimossa nel corpo della penna. Comunque sia, un grattacapo. Pero' non allarmarti. Per seconda cosa, se la prima non risolve, ti suggerisco di contattare il negoziante, senza dilungarti a parlare di colori e diluizioni ma limitandoti a citare il fatto che persino l'acqua a 0.7 Atm smette di fuoriuscire. Tenuto conto che, in una penna a gravita', aprendo l'ugello, il colore (e l'acqua di fonte a maggior ragione) deve uscire *sempre*, sia senza pressione d'aria, sia quando il compressore tira a 3 o 4 Atm, il negoziante non potra' negare che il comportamento e' sicuramente anomalo. E se il negoziante non dovesse venirti incontro dandoti un fattivo consiglio su come rimediare, ricordagli che dovrebbe essere piu' conciliante, tipo cambiartela in garanzia, a norma del Codice Civile (sempre con lo scontrino, ovviamente). Malgrado non sia di marca strepitosa, sospetto che non te l'abbia tirata dietro per quattro soldi, vero? Che negozio e'? Al prossimo acquisto impegnativo chiedi prima qui e ti eviterai simili sorprese.
P.s. Per la diluizione del colore, quando la penna andra' a posto, segui questa regola: il colore deve avere la stessa densita' del latte, cioe' deve "fare la goccia", nel senso che quando ne lasci cadere una goccia nel barattolino, questa deve rimbalzare sul "menisco" di colore e stare sospesa per una frazione di secondo prima di ricadere nel liquido. Considera anche che le penne a gravita' sono piu' tolleranti e lavorano anche con vernici piu' dense, ma e' meglio usare smalti sintetici, perche' le acriliche asciugano troppo rapidamente.
In bocca al lupo!
-- Luca Beato -
formatting link
del plastimodellismo su
formatting link
/"\ ASCII Ribbon Campaign \ / X No HTML in / \ email & news
Reply to
Luca Beato

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.