Gas di scarico e imbrattamento dell'automodello

Salve a tutti,
sono un principiante nel mondo del modellismo dinamico e proprio ieri ho
effettuato la prima prova su strada di un automodello da me completamente
assemblato.
Tutto ok! Solo che ho notato un eccessivo imbrattamento dell'automodello, a
causa di perdite di miscela incombusta che ho localizzato in un punto ben
preciso della marmitta. Ho notato, più precisamente, che i residui oleosi
della combustione sembrano filtrare dalla giunzione in cui si uniscono la
camera di espansione e la camera di scarico della marmitta.
A motore al minimo, con automodello fermo, riesco a notare delle bollicine
con sottilissimi schizzi di residui di combustione e miscela incombusta
formarsi e fuoriuscire proprio da questa giuntura... Ho notato che queste
due sezioni della marmitta sono unite tra loro da semplici viti, senza
l'utilizzo di alcun tipo di guarnizione, al contrario di quanto avviene per
il collettore della marmita che è fissato sulla luce di scarico del carter
tramite l'ausilio di una guarnizione di cartone!
E' normale che ci siano perdite da questa zona della marmitta? E' normale
che non si debba usare alcun tipo di guarnizione tra queste due sezioni
della marmitta (camera di espansione e camera di scarico)? Cosa posso fare
per ridurre l'imbrattamento dell'automodello? A questo punto non riesco
neppure a capire la funzione del tubo di scarico, che dovrebbe proprio
servire a far uscire i gas incombusti lontano dall'automodello, visto che le
zone circostanti questo punto della marmitta si imbrattano comunque in
maniera vistosissima per via di queste perdite... sul telaio, immediatamente
sotto la marmitta, si forma nel giro di poco tempo una vera è propria
pozzanghera di olio...
Tutto il resto del motore è a posto! L'imbrattamento ha origine proprio da
questa zona di giunzione della marmitta...
Al momeno uso miscela al 10% di nitro... potrebbe dipendere anche da questo?
Devo magari agire anche sullo spillo del massimo o del minimo del
carburatore? Pur se l'automodello sembrerebbe rispondere bene con le
regolazioni attuali?
Spero davvero in un vostro aiuto! Si tratta di un dubbio che mi assilla non
poco...
Grazie in anticipo a tutti!
Reply to
Avoosl Wuthoqquan
Loading thread data ...
Non dovrebbe sfiatare. Vige la regola del fai-da-te in questo caso: fabbricati una guarnizione o utilizza la (costosissima ma fantastica) pasta rossa per guarnizioni ad alta temperatura. Non formalizzarti troppo, non avere paura ad intervenire sul tuo modello: se serve...fallo !
Reply to
RC.Workshop
"RC.Workshop" ha scritto nel messaggio news:5X2%g.80$ snipped-for-privacy@tornado.fastwebnet.it...
Potresti fornirmi qualche marca specifica di questa pasta rossa? Oppure si tratta esattamente di quella usata normalmente dai meccanici per sigillare le marmitte o altro? Eppure in qualche altro post avevo già letto di questa famigerata "pasta rossa"! Ti chiedo gentilmente ulteriori lumi... o anche a qualche altro utente di questo newsgroup! Grazie in anticipo...
Reply to
Avoosl Wuthoqquan
"Avoosl Wuthoqquan" ha scritto nel messaggio news:453ce6d1$0$21799$ snipped-for-privacy@news.tiscali.it...
Ho preso della pasta rossa Roloil. Sulla confezione c'e' scritto che e' per motori da competizione, soggetti a sollecitazioni severe. Che resiste agli oli lubrificanti e idraulici, all'acqua e all'antigelo. E che resiste a temperature d'esercizio da -65 a +260 °C. Dovrebbe andare bene?
Avete qualche suggerimento utile su come applicarla?
Reply to
Avoosl Wuthoqquan
Si. Io uso solitamente il motorsil D della arexons mi pare, ma alla fine son tutte uguali.
Ne applichi in velo su una parte della marmitta (dopo averla pulita e sgrassata completamente), serri le viti, aspetti che asciughi, e con un cutter rimuovi l'eccesso che è fuoriuscito durante il serraggio. Poi torni a divertirti, dopo almeno 24-36 ore :-)
Reply to
duglia

Site Timeline

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.