Radiocomando pilotabile da Pc

Salve, è possibile pilotare un radiocomando da Pc? Vorrei fare un programma che dato il disegno della pista mi piloti da solo l'automodello!

Gianluca

Reply to
Gianluca Vianello
Loading thread data ...

"> è possibile pilotare un radiocomando da Pc?

hahaha ma che ieri sera hai visto Matrix?

Reply to
Lemon_Jelly

E' come dire che se tieni il volante sempre dritto la macchina non va fuoristrada... PROVA !!! Poi ci racconti. Ciao, Peppe.

Gianluca Vianello ha scritto:

Reply to
Peppe

Certo parliamo di sviluppo software specifico, riconoscimento ostacoli e molta altra robetta forse troppo difficile per questo NG....!!!!!!!!

Io chiedevo solo se esistono in commercio radiocomandi che posso pilotare da un Pc Tipo invece che usare le levette uso la tastiera!

Per il resto quando finirò tutto ve lo dirò...

Reply to
Gianluca Vianello

Eggià... TROPPO difficile per questo NG... Sai, noi siamo ignorantoni. Facci sapere come è andata la tua esperienza.

ciao GENIOOOO !!!

(mavaff...)

Peppe.

Gianluca Vianello ha scritto:

Reply to
Peppe

Il software di cui parli in fondo è paragonabile alla AI di un qualsiasi videogioco di simulazione di guida che pilota le auto avversarie a quella del giocatore. il punto è che un videogioco fa in modo che l'auto segua un sentiero invisibile sulla pista che è la traiettoria ideale; per fare questo "sa" esattamente le dimensioni e la forma della pista, la posizione della macchina e delle altre auto, tutte le informazioni sull'assetto dell'auto in ogni momento e la posizione e velocità di qualsiasi organo meccanico virtuale componga la macchina in ogni momento. Già così è una cosa molto complessa. Per fare la stessa cosa con un modello dovresti avere un sistema di posizionamento tipo gps che dica al pc dov'è il modello nella pista; un sistema di riconoscimento ostacoli come avevi detto tu; una marea di sensori sull'auto. Per quanto riguarda l'hardware ci vorrebbe un'interfaccia usb o rs232 che piloti direttamente il circuito modulatore della radio, cosa non proprio banale. Inoltre ti ci vorrebbe una perfiferica analogica tipo joystick o volante per guidare, certo non puoi usare la tastiera che è digitale. Per ultimo, IMHO ti posso dire che una cosa del genere potrebbe costarti molto di più di un ottimo modello da competizione super accessoriato.

Buon lavoro!

Reply to
Chicco

Il Fri, 22 Aug 2003 08:11:42 +0000 (UTC), "Gianluca Vianello" ha scritto:

Premettendo che non puoi modificare un'apparato radio che lavora sulle nostre frequenze, per pilotare il modello devi semplicmente usare una trasmittente con la funzione allievo/maestro, poi tramite RS232 o altra interfaccia devi semplicemente inviare un treno di impulsi alla porta allievo/maestro della TX. Il treno di impulsi e' piuttosto semplice da fare via software, per altre informazioni ti consiglio questo sito

formatting link

-- Saluti "Il Barone Rosso" - Roma WebMaster di:

formatting link
E-Mail: snipped-for-privacy@NO-SPAMlycos.it ICQ: 17933257 Rimuovi NO-SPAM per rispondere, Please remove NO-SPAM to answer

Reply to
Il Barone Rosso

Grazie dei consigli, in realtà io vorrei fare in modo che l'automodello si muova autonomamente in pista e questo via software è fattibile o manipolando un treno di impulsi oppure con un gps monitorando la posizione.

Inizialmente non mi preoccupo di altri modelli e voglio solo far girare la macchina nel percorso migliore, il riconoscimento di ostacoli verrà dopo.

In pratica disegno "elettronicamente" il circuito in cui far correre il modello ovvero la sequenza di curve, accelerate e frenate, poi pigio il tasto start e la macchina va da sola!!!

P.S. se qualcuno volesse partecipare.......

Grazie 1000. Gianluca

Reply to
Gianluca Vianello

Il Fri, 22 Aug 2003 12:19:06 +0000 (UTC), "Gianluca Vianello" ha scritto:

Senza nessun sistema di rivelamento della posizione l'unico sistema e' temporizzare il percorso, ovvero dividi il circuito in piccoli tratti e usando un temporizzatore esegui la sequenza di comandi dopo un determinato tot di secondi. Ovviamente se la macchina scivola o incontra un ostacolo la cosa non funziona piu'. Il tutto si puo' fare abbastanza agilmente anche con linguaggi non troppo sofistica, ad esempio tipo VB.

Se invece vuoi far muovere autonomamente la macchina il discorso e' completamente diverso, qui si entra nel campo dell'IA e la cosa si complica veramente molto. Considera che questo tipo di progetti si realizzano in ambito universitario/industriale usando attrezzature dal costo decisamente elevati a seconda della complessita' del progetto.

-- Saluti "Il Barone Rosso" - Roma WebMaster di:

formatting link
E-Mail: snipped-for-privacy@NO-SPAMlycos.it ICQ: 17933257 Rimuovi NO-SPAM per rispondere, Please remove NO-SPAM to answer

Reply to
Il Barone Rosso

Tempo fa chiesero le stesse cose per pilotare un elicottero, se leggete un mio post di qualche giorno fà "Vi ricordate l'elicottero via PC" ho raccontato di un documentario al riguardo. Per far volare in autonomia un elicottero mi sembra ci hanno messo 3 o 4 anni di ricerca. Ciao Crisi

Reply to
Crisi

Col gps la vedo difficile, a quanto ne so per la precisione richiesta o dovresti usarne uno differenziale (che oltre alla spesa enorme necessita di autorizzazione...) o postelaborare i dati ma chiaramente avresti un ritardo inaccettabile sul fix... Voi che ne dite?

>
Reply to
iago

Vorrei iniziare con qualcosa di semplice, intanto mi basta la corsa in pista, pensavo di fare un programma dove passata l'immagine della pista si crea il setup dicendo al computer quando deve frenare, accelerare e di quanto e come prendere le curve, questo per raggiungere il percorso ottimale.

Poi vediamo come rilevare gli ostacoli che a questo punto sono tutti quelli fuori dai parametri di setup! e fargli fare delle variazioni di percorso.

Il problema del gps è il costo, quello più piccolo (tipo rilevazione veicoli) costa circa 250 euro arrivando ad una precisione di 50cm, tarando opportunamente le coordinate alla pista si arriva alla precisione del rilevamento, però...........Quando spengono i gps la macchina non corre più!

Gianluca

Reply to
Gianluca Vianello

Secondo me senza avere un riscontro dalla macchina sara' molto difficile (e con difficile intendo impossibile) che tenga la pista oltre la seconda curva. Non e' solo una questione di ostacoli, ma di aderenza, posizionamento iniziale, vento, un sassolino, un servo che risponde male, il motore male carburato e un sacco di variabili imprevedibili. Io vedrei la cosa con una microcamera sulla macchina ed alcuni punti di riferimento sulla pista, tipo dei birilli di colore differente dal resto del paesaggio. Avendo un computer abbastanza veloce si riesce a capire dove sta la macchina con qualche algoritmo di computer vision. La cosa cosi', potrebbe essere fattibile e penso sia anche la soluzione piu' economica. Poi potrebbe esssere divertente studiare il comportamento da seguire con altre macchine, tutte cose nell'ambito dell'intelligenza artificiale. Ho gia' fatto qualcosa di intelligenza artificiale sul riconoscimento di immagini, se procedi su questa strada fammi sapere, mi piacerebbe collaborare.

Ciao Marco

Reply to
Macro

esistono interfacciabili al computer il radiocomando serve solo come trasmettitore sei tu attraverso un joy che piloti il computer corregge gli assetti e li invia al trasmettitore questo l'ho visto per elicotteri "Macro" ha scritto nel messaggio news: snipped-for-privacy@4ax.com...

Reply to
tommy

Il Fri, 22 Aug 2003 10:27:07 +0200, hai scritto:

Guarda che non e' pura fantascienza. Che poi sia "normalmente" applicabile in termini economici e di disponibilita' di parti, il discorso cambia.Ma i militari fanno questo ed altro.

L'incredibile non l'ho mai fatto. L'impossibile non sono in grado di farlo. I miracoli? Non esistono...

Reply to
Vidal Michele

Se ti ricordi, quando lavoravo all'Università di Berkeley ti ho parlato dei "Drones" che sorvegliano il reattore nucleare. Elicotteri autonomi capaci di seguire un "bersaglio" a terra (Uno che cammina, una macchina, qualsiasi cosa si muova piu' grande di un procione). Sono elicotteri mossi da motori a benzina da 50/75cc con rotori da 2 metri, completamente autonomi, che pattugliano tutto il giorno il perimetro dell'installazione portando GPS, sensori a infrarossi e telecamere.. Quando hanno bisogno di rifornimento rientrano alla base e il meccanico di turno riempie il serbatoio. Poi ripartono. Se mi ricordo bene il costo era attorno ai 150.000$ cadauno.

Ho sentito parlare di una versione piu' grande e armata da dare ai Marines. Mi immagino un coso che svolazza sparando a tutto quello che si muove...

-- Piero "Giops" Giorgi

formatting link

Reply to
Piero "Giops" Giorgi

Ehm... qua avrei qualcosina da dire. (Vedi il mio post seguente) Magari avrai anche ragione, ma tu stai sottovalutando il problema in maniera infantile. In un videogioco le traiettorie sono, in effetti, mantenute da computer, ma in un videogioco non ci sono:

Vento Sassolini che si spostano Servi che traballano Variazioni di temperatura delle barrette dello sterzo Polvere sulla pista E molte altre coserelle.

Tutte variabili che influenzano la traiettoria della macchina. Quindi, per avere una macchina "Semiautonoma" pilotata da computer, il computer DEVE in ogni momento conoscere come MINIMO (Oltre alla pista, ovviamente):

Posizione della macchina Orientamento della macchina Velocità della macchina Velocità laterale della macchina (Sbandamento o G in curva) Angolo di sterzata

Quindi ti serve sicuramente un GPS, un paio di accelerometri, un tachimetro e diversi altri ammenicoli... tutti collegati a un trasmettitore che si trova dentro la macchina.

E' certamente fattibile, e' gia' stato fatto (Anche con elicotteri) ma tecnicamente è molto, molto complesso.

Comunque io (Avendo tempo, voglia e un SACCO o due dei nuovi e famosi Euro) proverei.

-- Piero "Giops" Giorgi

formatting link

Reply to
Piero "Giops" Giorgi

50cm te lo scordi con un GPS. E comunque un GPS, quando sei fermo, non ha la minima idea di DOVE sei rivolto.
Reply to
Salvo Ognibene

Se i satelliti militari sono spenti e il segnale dei commerciali è buono, la precisione è pressochè perfetta, io l'ho usato quando andavo a fare immersioni e mettevo l'ancora sempre nello stesso punto!!! Per la direzione serve una bussola elettronica.

Reply to
Gianluca Vianello

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.