Radiocomandi

Ave!
Mettiamo in chiaro cosa penso dei radiocomandi.
Esistono radiocomandi con una buona qualità di base e radiocomandi con una
qualità minore e un controllo di qualità improntato, diciamo, al risparmio.
Ora, so benissimo che esistono modellisti felici e contenti delle loro radio
Hitec. Verissimo.
Nessuno nega che le radio e i servi Hitec possano funzionare perfettamente.
Per esperienza, però, posso dire che di tutti i problemi che ho visto avere
con i radiocomandi, la maggior parte si è verificata su sistemi o servi
Hitec.
radio che non trasmettono più, radio che perdono il software, servi che non
ritornano a zero e cose del genere.
Ho visto avere problemi anche radio di altre marche, ma in misura molto,
molto inferiore.
Personalmente forse sono solo fortunato, ma ho dei servi Futaba del 1979 che
funzionano ancora benissimo e non ho MAI avuto un problema radio.
Forse è un'indicazione della qualità Futaba? Non lo so, parlo solo per
esperienza fatta in TANTI anni.
Certo c'è il novellino che mi dice che AL SUO CAMPO nessuno ha problemi con
Hitec, Magari è vero, ma in MOLTI altri campi di problemi ce ne sono tanti,
ma tanti...
Piero "Giops" Giorgi
Reply to
Piero 'Giops' Giorgi
Loading thread data ...
"Piero 'Giops' Giorgi" ha scritto nel messaggio
Ciao Piero, in linea di massima concordo con quanto dici sulla qualità di Futaba e ci metto pure JR e Multiplex, concordo con la scarsa qualità/affidabilità di Hitec sulle riceventi e sulle trasmittenti ma sui servi Hitec devo dire la mia. Io volo sia con aerei che con elicotteri ad un livello abbastanza alto, sopratutto con gli heli, e i servi li stresso non poco, spesso e volentieri ho usato servi Hitec analogici/digitali e non mi hanno mai dato problemi. Oltretutto se vogliamo scavare per benino anche le marche più blasonate hanno i loro bei scheletri negli armandi. Vogliamo parlare dei famigerati servi FS250T commercializzati da Robbe ma prodotti da Futuba ? Praticamente un disastro.
Bye
Reply to
Anonymous
">" ha scritto nel messaggio news:03iZc.180398$ snipped-for-privacy@news3.tin.it...
A parita' di prezzo non c'e' paragone fra gli fs100 o anche gli 3001 Futaba e i 475hb della Hitec. Sono tutti e tre economici ma le prestazioni sono notevolmente a favore degli Hitec sia come Kg dichiarati che come robustezza generale. Unica pecca non sono dei fulmini anche se ne sono usciti dei nuovi di cui non mi ricordo la sigla che sono piu' potenti (quasi 6kg a 6v) e abbastanza veloci 0,15 ms. In un Giles 202 da 182cm di ap alare motorizzato G2300 Supertigre ho montato 6 servi 475 Hitec ed ho speso meno di 120 euro. Se avessi montato servi da 5,5 kg Futaba o altre marche, avrei speso piu' del doppio e sinceramente non mi sembrava il caso... Per il resto sono in sintonia con Giops...
-- Ciao da Marco m&m. snipped-for-privacy@libero.it
Reply to
Marco m&m
i servi fs250t non sono prodotti dalla futaba ma da un altro produttore per conto della robbe e sono marchiati robbe
i servi prodotti dalla furaba per conto della robbe sono marchiati robbe/futaba
i servi fs250t sono degli ottimi servi, li uso da parecchio senza problemi, c'e' stata una partita di servi difettosi e la robbe da ditta seria ha reso noto i numeri di serie e li ha sostituiti
ciao italo
Reply to
Italo Driussi
Se fosero tati Hitec sarebbero stati la norma... I controllo qualità è talmente buono che i servi con cuscinetti passano anche se non li hanno...
Reply to
Piero 'Giops' Giorgi
Piero 'Giops' Giorgi ha scritto:
Ciao Piero
Così mi piaci, quello che pensi, non conclusioni
Vero, ho aperto radio rimarcate, tipo le Prafa e ho trovato sezioni di circuito sampato lasciate vuote, nonostante la serigrafia, va bene se sono funzioni inutilizzate su stampato standard, come mix o il quinto canale sulla mia Futaba Skysport 4, MA UNO STADIO INTERMEDIO DI AMPLIFICAZIONE sulla parte di trasmissione NON VA BENE!!! Comunque nella maggior parte dei casi non siamo in grado di giudicare, se non ci piace il colore o aspetto della plastica o se gli stick sembrano giocattoloni, non è un motivo di critica, a meno che non siamo esperti nel campo dei materiali, e il software può essere così per scelte precise di chi produce.
Ho avuto Futaba, Sanwa, Supertigre e Hitec, gli unici problemi sugli stick Futaba e Supertigre, per cedimenti delle plastiche, che sulla Supertigre col freddo sono stati catastrofici. Ho visto problemi di altri con Graupner, e soprattutto Multiplex, ma questi anni fa quando sono uscite le prime PCM.
Io Futaba Sanwa Hitec e Supertigre, a parte i micro, di tutte le marche che soffrono di potenziometri ossidati, per il resto tutto bene, ti parlo di roba in giro da vent' anni.
e non ho MAI avuto un problema radio.
Io ti ho detto la mia, che diversa dalla tua tutto sommato conta uguale, mi sono appena liberato di una Hitec Prism 7X, ma solo perchè ha 3 memorie, e io ho 6 riceventi, ora ho una economica Graupner MC12, sicuramente ha parecchio sw in più implementato, ma ci sono anche dieci anni di differenza e il costo di un poco di spazio in più per memorie e mix non è paragonabile. Comunque sto sentendo già di gente che ha avuto rogne con questa radio, ti dirò in futuro.
Buona giornata Danilo
Reply to
danilo_
"Italo Driussi" ha scritto nel messaggio
Mi dispiace per te ma sono proprio Futaba, ho ancora una scatola originale di un FS250T con su scritto chiaramente Robbe Futaba.
La scritta Futaba, prima presente pure sul sito Robbe, è sparita dopo i primi problemi.
Sei stato fortunato, la stragrande maggioranza di quei servi, anche fuori dai famosi numeri di serie, ha dato un sacco di problemi.
Bye
Reply to
Anonymous
danilo_ ha scritto:
le radio Supertigre erano delle Hitec rimarchiate (sul trainatore ho ancora due gloriosi "Supertigre HS-422"), così come le Rossi erano delle JR e le Aviomodelli erano... boh non me lo ricordo, mica sono poi così tanto vecchio ;-)
Il grosso (colossale) problema delle Graupner della serie MC18 - MC-24 era (ammesso che sia stato risolto) il reset della radio in volo. Io stesso l'ho visto succedere, e ho sentito moltissima gente che ha avuto questo problema. Parlando con uno dei malcapitati, ho saputo che, a seguito delle sue rimostranze, il consiglio avuto dal team Graupner in visita sui nostri pendii alpini è stato di montare i servi sul modello senza usare il reverse software e connettendo i servi ai canali standard, in modo che in caso di perdita della memoria della radio, spegnendola e riaccendendola, col programma di default si potesse riuscire a portare il modello a terra. Non aggiungo altro, giudicate voi..... Io ho scelto Multiplex al posto della mc-24, che tanto qualche Tafazzi che la compra comunque c'è sempre.
Problemi Multiplex? Non è una radio perfetta (soprattutto le economiche e forse la nuova Evo che non convince tutti) ma è abbastanza affidabile.
Futaba: non mi piace la qualità delle plastiche, le radio lasciate al sole si sbriciolano. Una volta mi si rotto il gruppo interno dello stick di destra (piloto in modo 1) sotto la "forza" delle molle di ritorno. Ho riportato a terra il modello senza avere il centro degli alettoni e col motore che invece per la rottura della cricca tendeva a tornare al centro..... Per non parlare delle varie linguette dei moduli RF e dei coperchietti. Forse sono migliorate, ma preferisco non rischiare. Badassero un po' di più alla sostanza che alle cromature....
Hitec: vanno benone per quello per cui sono nate, cioè essere la prima radio dei neofiti, e comandare al massimo un motoveleggiatore o un piccolo trainer. Spesso le consiglio anch'io, visto che poi la scelta del radiocomando "definitivo" ognuno la deve fare secondo le proprie preferenze. Su modelli un po' più importanti e potenzialmente pericolosi, meglio non fidarsi troppo; comunque queste cose le capisce anche il neofita che, immancabilmente, dopo il periodo di apprendistato cambia radiocomando di sua iniziativa. Soltanto un pirla, poi, userebbe una flash-5 per pilotare un turbina da 300 Km/h o un aliante acrobatico da 20Kg. Ma in questo caso la colpa non è del radiocomando in se'...
-- Simone
Reply to
§imone
§imone ha scritto:
Si, tanti modelli dismessi sono stati rimessi in produzione da ditte che "ci hanno provato", la mia supertigre 722 somiglia ad una Expert più che ad una Hitec, l' ho trovata anche rimarcata Conrad sul loro catalogo. I servi erano HS 422, che vanno ancora bene dopo 15 anni. La TX col freddo si è sbriciolata, probabilmente chi ha fatto le carcasse ha recuperato vecchi stampi ma le plastiche le ha scelte in economia, non è una novità, ho parlato con gente del settore che si è preso grosse fregature cercando il risparmio, anche se il polimero viene spacciato per avere certe caratteristiche poi in pratica non le ha. Nel mio caso lo stick ha aperto in due il tamburo in cui è pressato, poi ho tentato di pulire un potenziometro e lo spruzzo ha raffreddato la plastica al punto da fare andare tutto il gruppo dello stick in mille pezzi (vedi Terminator 2 la scena dell' azoto liquido!!). Con le Futaba i primi problemi di cedimento di plastiche li ho visti dopo 15 anni di vita all' aria aperta (volo molto di inverno).
Soltanto un pirla, poi, userebbe una
Ovvio che quando si spendono dei soldini per certi modelli la radio è intonata, ma non significa che una onesta 4 canali non faccia il suo dovere su un trainer o acrobatico, o almeno non può essere pericolosa. Chi critica le Hitec non conosce o ricorda le Prafa, Aviomodelli, Supertigre o roba del genere. Poi partite sfigate le hanno avute tutti. Ciao Danilo
Reply to
danilo_
le mie no
o si sono accorti dell' errore
sgrat!!! e speriamo bene
parlando con il negoziante che me li ha venduti, mi ha confermato che non sono di produzione futaba ma di un produttore di servi autonomo pare la daimond (o un nome simile), l' innesto delle squadrette e' futaba, ma la forma, le dimensioni, il colore e il tipo di plastica sembra quella delle squadrette graupner, e la scatola ai digitali hitec
in genere uso prodotti futaba o graupner con la speranza che il detto 'chi piu spende meno spende' sia vero
ciao italo
Reply to
Italo Driussi

Site Timeline

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.