Vorrei...

Buongiorno a tutti. Da bravo più che principiante avrei voluto iniziarmi al
modellismo con un elicottero. Dopo avervi lurkato per un po', ho capito che
sarebbe stata una tremenda sciocchezza: avrei buttato via un sacco di soldi
e avrei smorzato sul nascere tutte le mie velleità. Finalmente mi sono
deciso a scrivervi e umilmente vi domando cosa mi consigliereste tenendo
conto che:
1) Per motivi di orari di lavoro a turni praticamente imprevedibili penso di
dovermi arrangiare da solo.
2) Per motivi "ecologici" e di buon vicinato vorrei evitare di usare motori
a scoppio (troppo rumorosi e puzzolenti)
3) Non mi dispiacerebbe proprio costruirmi il mio aeromodello, ma ho paura
di aver bisogno di attrezzatura che forse val la pena comperare solo quando
si è effettivamente abbracciato questa passione.
4) Vorrei trovare un modello che possa far volare senza istruttore, ma che
allo stesso tempo non mi annoi dopo tre giorni per le poche possibilità che
ha.
5) Nella tremenda incertezza delle mie capacità e delle effettive
possibilità di utilizzo non vorrei spendere troppo.
Grazie a chiunque voglia rispondermi.
--
Ciao. Frost.
Reply to
Frost
Loading thread data ...
Puoi farlo con modelli semplici slow flyer, tieni presente però che quando passerai a modelli più impegnativi a scoppio devi farti aiutare da qualcuno più esperto.
Inizialmente è l'idea che viene a tutti, tieni presente che solo in apparenza l'elettrico è più semplice, ha molti costi in più nascosti in varie cosette.
Un buon inizio potrebbe essere quello di andare sul sito del Barone
formatting link
e prendere il modello Volt, Photo One o altro in depron di tua scelta.
Tieni presente che anche se vengono chiamati slow flyer per un principiante assoluto vanno comunque veloci, quindi preparati a frequenti riparazioni e rotture.
Devi scegliere un modello che sia facile da riparare quindi niente kit pronti, devi sapere come rifarti tutte le parti che romperai certamente. In questo senso il depron è ottimo in quanto un foglio da 3mm costa da 6 a 10 euro, e quindi ti consente di avere modelli "scarificali" e facilmente riparabili.
La difficoltà maggiore che incontrerai la prima volta è il centraggio del modello, in quanto se lo sbagli il tuo modello non volerà o volerà male.
Non avendo esperienza non sarai in grado di capire se hai sbagliato tu o è il modello che ha il centro di gravità troppo arretrato o avanzato.
Se effettivamente sei un assoluto principiante ci vorranno comunque parecchi voli prima che "ti annoi" con il modello, in pratica dovrai essere in grado di volare e atterrare in ogni condizione e dove vuoi tu. Da solo non ci metterai meno di 8 - 10 voli se ti va tutto bene.
Non ti scoraggiare per il primo volo, potrebbe durare veramente poco, 10-15 secondi. Considera poi che l'apprendimento è del tutto soggettivo. Ci sono persone che pur avendo l'istruttore ci mettono mesi a volare bene da soli, altri che riescono quasi subito e altri che anche dopo anni fanno atterraggi sbagliati, manovre errate. In tal senso è possibile che facendo da solo sviluppi dei modi di pilotaggio che poi è difficile cambiare o che si rivelano solo quando vai verso modelli più impegnativi.
Beh, all'inizio certo è una bella spesa. Considera che ti serve una trasmittente almeno a 4 canali, ti consiglio di prendere un modello computerizzato che consenta regolazioni dell'escursione, dei fine corsa, dell'inversione dei servi ecc. Siamo intorno ai 200 Euro.
Con la radio di solito ti danno la ricevente e uno o più servocomandi, ma questi di solito sono quelli standard che sono troppo grossi per i modelli slow flyer con cui partirai. Quindi supponendo che il modello sia a 2 assi (elevatore e timone) dovrai spendere almendo altri 15x2 = 30 Euro di servocomandi. Mettici poi una decina di euro per il motore ed una trentina di euro per il regolatore. Poi ti serviranno le batterie. Considera in media 2 euro a cella, un pacco da 8 celle sta intorno a 16 euro. Se però lo compri già pronto puo costare di più. Quindi di sola elettronica di bordo siamo a circa 290 euro. Mettici poi fogli di depron, barre di fibra di carbonio, ecc. e vai intorno a 330 Euro.
Ovviamente dopo la spesa iniziale puoi riutilizzare tutto, e quindi passare ad altri aerei ti costa solo il materiale cioè 15-20 euro.
Se hai altre domande chiedi pure. Ciao, Fabio.
Posted from X-Privat Free NNTP server -
formatting link
Reply to
flyer
"Frost" ha scritto nel messaggio news:FYBOb.267715$ snipped-for-privacy@twister2.libero.it...
[cut]
Il mio comsiglio e' lo stesso che ho dato ad altri e altro non e' che il mio inizio. Motoveleggiatore Java 150 della Scorpio motorizzato 400 ridotto 1:4 con elica 10x8. Con 7 celle Sanyo da 1100mA voli 15 min buoni con 3 o 4 risalite. Io all'inizio ci volavo nel parco di fronte all'officina che e' poco o nulla frequentato. Tieni comunque presente che anche un modello come questo, che pesa 700/800 gr se viene giu' puo' fare parecchio male quindi... L'altro consiglio che ti hanno fdato puo' essere valido ma contrariamente a cio' che un neofita puo' pensare gli Slow Flyer non sono oi tanto facili da far volare. Oltretutto sono molto sensibili al vento mentre un motoveleggiatore vola benone anche con vento sostenuto... anzi a volte puo' essere piu' divertente.
-- Ciao da Marco m&m.
Reply to
Marco m&m
Prova a guardare su
formatting link
Pero', guarda, decisamente ti consiglierei di trovare un istruttore...
MAI cominciare da soli!!!!
Piero "Giops" Giorgi
formatting link
Reply to
Piero Giops Giorgi
"Marco m&m" ha scritto nel messaggio news:9QOOb.261952$ snipped-for-privacy@twister1.libero.it...
Grazie dei vostri consigli!
Alla fine (dopo aver guardato il sito con i vari modelli di slow flyers e averci capito poco o niente) ho optato per il Java 150. Sabato sono riuscito finalmente a prenderlo (110? + 15? di colla 5 min.). Siccome ho intenzione di prendere tutto il tempo necessario, ma non sbagliare, mi sono già fermato al primo dubbio e chiedo un aiuto: 1) Per piegare le ali le istruzioni dicono di tagliare la pellicola, estrarre il piccolo diedro di spessore, incollare e piegare. Se taglio la pellicola rimane un bordo di un paio di mm. da una parte e dall'altra: è meglio tagliarlo via e rifilare bene per avere più superficie di incollaggio o piegarlo all'interno ed evitare il rischio che la pellicola si scolli in quel punto? 2) Provo a piegare le ali, ma sono molto dure, ho paura che si spezzino, devo avere qualche acorgimento particolare (scaldare, inumidire, o qualche cosa del genere)? 3) Le istruzioni dicono di alzare la parte terminale dell'ala fino ad arrivare a circa 70 mm. Non è importantissimo che siano perfettamente uguali? C'è qualche metodo per farle esattamente a misura?
Grazie già d'ora per la pazienza che avrete. Ciao. Frost.
Reply to
Frost
"Frost" ha scritto nel messaggio news:IJxTb.9947$ snipped-for-privacy@twister1.libero.it...
Scusa se rispondo solo ora ma sono appena tornato da una breve vacanza :-)
Secondo me hai fatto molto bene...
Mi pare di aver lasciato quella piccola parte piegandola verso l'interno ed incollando il tutto con la 5min
Io non ho fatto nessuna fatica. Fagli forza ma con pazienza ed attenzione
Io ho usato un normalissimo righello basta controllare ogni tanto fino a che la colla tira... prima da una parte poi dall'altra. Non e' vitale che siano perfettamente 70mm ma e' importante che tu riesca a fare cio' che devi senza ripeghi o frettolosita'. Alla fine poi se e' 73 o 67 il modello vola bene ugualmente...
Credo e spero che a quest'ora il modello sara' gia' finito ma se avrai bisogno di altri consigli anche sulla messa a punto chiedi pure... tanto fino al prossimo anno che si muove piu' :-)
-- Ciao da Marco m&m.
Reply to
Marco m&m
Ma che ti scusi?! Già son contento che mi rispondi!
Speriamo!
Ecosì ho fatto io! Evvaaiii!
Direi che alla fin fine ci sono riuscito anch'io. Ho visto in un sito inglese un tipo che sulle pieghe ha poi messo un nastro adesivo tipo da pacco, ma trasparente. Conviene farlo? Ma dove si può trovare quel nastro? Porc... io ho già incollato i rinforzi per gli elastici non potrei mettere il nastro sulla piega centrale.
Finito è una parola grossa! Devo ancora mettere il motore e ho già avuto qualche problema col negoziante (vedi post precedenti) se vuoi darmi qualche risposta anche per quello... poi dovrò scegliere i servi, etc. etc. Hai voglia quanto mi manca ancora prima di riuscire a schiantarlo per la prima volta!
Grazie a tutti voi che perdete il vostro tempo con me, ma non sarà tempo sprecato. Imparerò a volare. Imparerò a volare! IMPARERO' A VOLARE! Ciao. Frost.
Reply to
Frost
"Frost" ha scritto nel messaggio news:yCxVb.664$ snipped-for-privacy@twister2.libero.it...
Io non l'ho fatto... A proposito di elastici butta quelli della scatola bianchi e prendine di quelli marroncini che vendono nei negozi di modellistica. Costano 3 euro (un mezzo furto) ma non e' che poi se ne usino chissa quanti quindi una bustina dura parecchio. Il piu' e' non perderli :-)
Ti ho gia' risposto in merito nell'altro Tread. I servi vanno bene dei normalissimi standard. I mini costano un po' di piu'... vedi tu! Certo meno peso metti a bordo meglio e'. Io li ho normali. Oltretutto la basetta portaservi ha gli scassi standard.
-- Ciao da Marco m&m.
Reply to
Marco m&m
come sta andando allora con sto Java?? :-)
Il 02 Feb 2004, 15:14, snipped-for-privacy@glidersusa.net (Piero Giops Giorgi) ha scritto:
-------------------------------- Inviato via
formatting link
Reply to
riccardo
"riccardo" ha scritto nel messaggio news: snipped-for-privacy@usenet.libero.it...
Hei! Calma ragazzi! Come mi avete insegnato, un modellista deve avere mooolta pazienza.
Ieri sono stato in negozio, mi cambia il riduttore, ma lo deve ordinare e arriverà a fine settimana prossima. Stessa cosa per l'elica. Nel frattempo ho preso allora i due servi: Hitec HS-311 Standard (16? l'uno) e già sorgono tutta una serie di domande: 1) Ci sono 4 boccole in gomma e 4 in ottone (credo). Ho dedotto, spero sia giusto, di incastrare le boccole in gomma nei fori del servo, infilare le boccole in ottone in quelle in gomma dal basso verso l'alto, in modo che la parte piatta resti contro al supporto di legno, e dalla parte opposta infilare la vite. E' giusto? Ma perchè nella scatoletta dei servi non mettono un disegnino con queste semplici istruzioni? Oddio, veramente delle istruzioni in inglese ci sono, ma non mi sembra ci sia scritto niente del genere. 2) Tutte le varie crociere (come si chiamano veramente?) hanno un sacco di fori e numerini che stanno certamente ad indicare qualcosa, ma che cosa? Io ho pensato che quello che dovrebbe servire a me è l'unico "monobraccio". Ho visto però che è allungabile e ciò determinerà certo una diversa risposta del servo. Dalla parte opposta del tirante anche le squadrette hanno 4 fori. Ho capito che usando i fori più esterni si avrà una risposta più lenta e modulabile, mentre usando quelli più interni la risposta sarà più brusca e diretta, ma quale combinazione di fori mi consigliate per iniziare? E' giusto che il timone di profondità si alzi bene e invece si abbassi di poco e con fatica? 3) Sulle istruzioni del Java c'è scritto: "Collega i servocomandi alla ricevente ed accendi la trasmittente posizionando l'ancorina dei due servi nella posizione centrale. Spegni la radio". Poichè io non ho ancora ne trasmittente ne ricevente, devo per forza aspettare a collegare i servi ai tiranti? C'è qualche altro metodo sicuro? 4) Le viti delle squadrette sono molto lunghe e sporgono rischiando anch di cocciare e incastrarsi in alcune posizioni particolari dei due timoni. Che devo fare? Tagliarle? Non c'è qualche sito con istruzioni passo passo per dementi con insicurezza a mille e quoziente intellettivo a zero? Hei! Non illudetevi! Anche se mi trovate il sito lo andrò certamente a vedere, ma continuerò comunque a rompervi i maroni finchè non diventerò un genio. Grazie. Ciao. Frost.
Reply to
Frost

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.