Zagli quasi indistruttibile!

Ciao, finalmente ho trovato la soluzione ideale per realizzari gli Zagi.
Dopo aver costruito diversi zagli in diversi materiali sempre in polistirene
ma di marche diverse, mi sono accorto proprio oggi che la soluzione migliore
è quella del polistirolo comune ricoperto da nastro da pacchi quello marrone
sotto tutto e sopra 3 passate per lato incrociate quindi 6 passate.
Ho provato di scaldare quel pezzo di polistirolo (ricoperto anche lui di
nastro) che bisogna tagliare via per metterci il motore, con un phoon
industriale a temperatura bassa e il nastro si retrae togliendo via anche le
pieghe qual'ora ve ne fosse qualc'una ovviamente non quelle grandi.
Il risultato un pezzo di polistirolo che se lo piego a "S" non si rompe!!!
Sono tentato di scaldare tutto lo Zagi per vedere come si comporta.
Il peso delle ali incollate non rivestite in polistirolo è circa 80 gr.
Quello delle ali in polistirtene rosa (che secondo me è uno dei più leggeri)
150 gr.
Ciaooooooooooooooooooooooooooooooooooo!
Reply to
-=[Max N.]=-
Loading thread data ...
"-=[Max N.]=-" ha scritto nel messaggio news:e0Ydb.302$ snipped-for-privacy@twister1.libero.it...
Cosa usi per l'ancoraggio del motore? Una centina oppure usi il modello "tzagi for beginners" ...? ciao
Reply to
Bert Il Celtico
"Bert Il Celtico" ha scritto nel messaggio news:w4Ydb.356933$ snipped-for-privacy@twister2.libero.it...
Allora questo in polistirolo lo devo ancora finire ma nell'ultimo in polistirene ho realizzato un cuneo di polistirolo a palline largo un paio di centimetri e lungo quanto il motore o motore + regolatore nel caso si innesti dietro al motore, ricoperto in nastro fibrato in tutti i versi sia longitudinale che trasversale, poi ho messo del biadesivo sotto e l'ho attaccato allo Zagi nella parte sopra. Poi ho messo del biadesivo sopra al cuneo e ho posizionato il motore (io lo metto sempre dritto anche se tira da una parte il modello, per un fatto di estetica anche se in realtà non si vedrebbe tanto). Il cuneo l'ho realizzato in modo che il motore fosse inclinato verso l'alto di un paio di gradi. L'altezza del cuneo dove appoggia il retro del motore era circa 1 cm mentre l'altezza del cuneo dove appoggia il motore in corrispondenza del perno non la ricordo e deve essere calcolata a seconda dei gradi di inclinazione che si vuole dare al motore. Comunque bisogna provare! A questo punto ho realizzato un rettangolino di compensato da 3mm lungo e largo quanto il cuneo e l'ho posizionato sotto lo zagi in modo che combacciasse sia in lungo che in largo con il cuneo di polistirolo. Poi ho messo 2 fascette di plastica che prendevano il morore, il cuneo, lo Zagi e il rettangolo di comp. Ovviamente ho dovuto fare 4 fori nello Zagi per far passare le fascette. In pratica ecco i componenti nell'ordine: motore biadesivo cuneo di polistirolo con nastro fibrato biadesivo Zagi rettangolo di compensato Spero di essermi spiegato bene! Ciaooooooooooooooooooooooooo!
Reply to
-=[Max N.]=-
-=[Max N.]=- ha scritto:
mi sa che hai scoperto l'acqua calda, gli tzagi all'origine erano proprio fatti così. Se mai ce ne fosse bisogno, lo testimonia il fatto che il primo kit americano dello tzagi che si è visto era proprio fatto così, mentre nei successivi hanno fatto la loro comparsa l'epp ed altre inutili complicazioni. E' stato poi nel ricercare l'indistruttibilità ad ogni costo che si è arrivato a fare veri e propri mattoni volanti di 700/800g... L'ho già detto e lo ripeto: sforzarsi di imparare a volare decentemente porta a salvare ben più aerei rispetto alla fiducia estrema nell'indistruttibilità del materiale.
ciao
-- Simone
Reply to
§imone
L'EPP e' quasi sempre stato parte dello Zagi (Trick RC).
Infatti, a parte la primissima serie di produzione e lo Zagi THL (Thermal Hand Launch), hanno sempre avuto il bordo d'entrata in EPP per una profondita' di due pollici. Poi e' nato lo Zagi EPP, lo Zagi 3C ecc.
Piero "Giops" Giorgi (Colui che fece conoscere l'EPP in Italia)
Reply to
Piero Giops Giorgi

PolyTech Forum website is not affiliated with any of the manufacturers or service providers discussed here. All logos and trade names are the property of their respective owners.